Wout van Aert punta al massimo ai classici cobblestone – VeloNews.com

Wout van Aert punta al massimo ai classici cobblestone – VeloNews.com


“],” filter “: {” nextExceptions “:” img, blockquote, div “,” nextContainsExceptions “:” img, blockquote “}}”>

Dopo una pausa di due settimane, Wout van Aert è tornato e ha intenzione di riprendere da dove si era interrotto: alla fine delle gare ciclistiche.

Dopo essere rimasto deluso da “solo” due medaglie d’argento ai campionati del mondo, la superstar belga ha riposato le gambe in preparazione di un’ultima spinta ai suoi obiettivi di alto livello, le classiche acciottolate.

Gent-Wevelgem la domenica dà il via agli one-day del nord, con il Giro delle Fiandre il fine settimana successivo. Van Aert sta gareggiando in entrambe le gare ed è sicuro di risparmiare un po ‘di spazio nella sua bacheca già piena di trofei.

“Correrò altre tre gare e partirò tre volte con l’ambizione di vincere”, Van Aert ha detto ai media belgi Giovedì, appena il giorno prima è stato confermato che la sua “terza gara”, Parigi-Roubaix, è stato cancellato.

Sebbene a Gent-Wevelgem questo fine settimana non venga concesso lo status di monumento come i suoi fratelli maggiori Fiandre e Roubaix, ciò non intacca l’ambizione infinita di Van Aert per il frantoio di ciottoli di questo fine settimana.

“La domenica non è una preparazione per il Tour”, ha detto. “Sarà una gara dura, con molto vento. …. Ci sono un po ‘più di circuiti del solito, con tre volte il Kemmelberg. C’è una maggiore possibilità rispetto agli anni precedenti che arriveremo al traguardo con un gruppo più piccolo “.

Con vittorie a Milano-Sanremo, Strade Bianche e vittorie di tappa al Tour de France, il 26enne si colloca proprio in cima alla lista dei favoriti per entrambe le restanti gare acciottolate di questo autunno dopo la schiacciata tutto ciò verso cui ha rivolto il suo sguardo da quando le gare sono riprese in estate. Tuttavia, van Aert è diffidente nei confronti del suo nemico di lunga data del ciclocross Mathieu van der Poel e dell’uomo con cui ha combattuto nella Milano-Sanremo, nel Tour e nei mondi: Julian Alaphilippe.

“Mathieu van der Poel sarà l’uomo da battere”, ha detto Van Aert dei suoi avversari sulle pietre. “Anche Julian Alaphilippe, ma corre solo De Ronde. E per il resto: i soliti sospetti. Anche Oliver Naesen ha avuto un bell’aspetto nel BinckBank Tour. Colpisce che i corridori che hanno il Tour nelle gambe siano ancora bravi.

Van Aert ha lasciato Imola alla fine del mese scorso devastato per essere stato battuto dalla potenza inarrestabile di Filippo Ganna nella cronometro e sconfitto da Alaphilippe nella corsa su strada, ed è tornato in Belgio per riunire le sue forze in vista del blocco delle classiche.

Anche se Van Aert fa sembrare molto facile andare in bicicletta molto veloce, ha sofferto come tutti noi quando è tornato ad allenarsi dopo un po ‘di tempo fuori dai mondi in sella.

“In quei primi allenamenti dopo quei tre giorni senza bici ho passato un periodo difficile … la sensazione è stata deludente”, ha rivelato. “È stato anche difficile mentalmente. Ho pensato: “Se devo continuare così per un altro mese, sarà dura”. Dopo un lungo periodo di gare, ho dovuto farmi male di nuovo durante l’allenamento ed è stato difficile “.

“Ho avuto giornate difficili, ma poi sono passato e anche le gambe hanno iniziato a girare meglio, e questo mi ha dato di nuovo il morale per tirare fuori tutte le fermate per quelle tre gare. Sono molto ambizioso. Un giorno voglio vincere il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix, quindi non voglio perdere un’occasione. Sono di nuovo concentrato al 100%. “

Van Aert ha iniziato la sua stagione post-COVID con due importanti vittorie in una settimana alle classiche italiane. Sta cercando di ripetere l’impresa alla fine del suo programma di viaggio, e non scommetteresti contro di lui che ce la farà



Source link