Vuelta a San Juan si è impegnata a spingere mentre COVID-19 causa cancellazioni altrove – VeloNews.com


“],” filter “: ” nextExceptions “:” img, blockquote, div “,” nextContainsExceptions “:” img, blockquote “}”>

Organizzatori di Vuelta a San Juan sono determinati a consegnare la loro gara di fronte alla seconda ondata della pandemia COVID-19.

Il direttore di gara Roberto Amadio ha parlato questa settimana per spiegare che le autorità locali stanno appoggiando la gara di gennaio e sono fiduciosi che le condizioni relativamente stabili nella regione consentiranno all’evento di andare avanti nel suo tipico formato di una settimana.

“Il governo di San Juan, il governatore Sergio Uñac e il ministro dello sport vogliono tutti che la gara si svolga nonostante i problemi causati dalla pandemia COVID-19”, ha detto Amadio TuttoBici. “Fortunatamente, il numero di casi a San Juan è piuttosto basso in quanto si tratta di una regione isolata del paese. Ciò ha contribuito a garantire che la gara si svolga “.

Le notizie offre un’ancora di salvezza al calendario di inizio stagione, che è stato sradicato dal la cancellazione del WorldTour apre il Tour Down Under e le successive Cadel Evans Great Ocean Road Race e Jayco Herald Sun Tour.

Con le nazioni di tutto il mondo che raddoppiano i loro sforzi per combattere il COVID-19, le misure di quarantena in atto in Australia hanno reso impossibile per le squadre compiere il lungo viaggio Down Under dalle basi in Europa. I rapporti suggeriscono che saranno in atto dispense speciali per impedire tali misure per le squadre che si recano in Argentina per la Vuelta a San Juan.

La Vuelta a San Juan non è una gara WorldTour, ma è diventata un’alternativa alle gare australiane per le squadre che cercano di dare il via alle loro stagioni. L’hotshot Deceuninck-Quick-Step Remco Evenepoel ha vinto la gara dello scorso anno in un campo che comprendeva anche Bora-Hansgrohe, UAE Team Emirates, Israel Start-Up Nation e Team Movistar.

L’edizione 2021 potrebbe essere di dimensioni inferiori, ma potrebbe generare molta competizione per gli spazi mentre le squadre si affrettano a trovare opportunità di competizione mentre COVID-19 continua a mettere a rischio le gare di tutto il mondo.

“Molte squadre stanno pianificando per il 2021 e sono in contatto”, ha detto Amadio. “Vogliono tornare a correre e le squadre che abbiamo contattato hanno confermato il loro interesse. Il budget è stato ridotto, ma ci saranno tre o quattro squadre WorldTour e quattro o cinque [second tier] ProTeams. “



Source link