“Un’esperienza infernale” dice Tom Pidcock dopo il debutto nella corsa su strada maschile d’élite ai Campionati del mondo

“Un’esperienza infernale” dice Tom Pidcock dopo il debutto nella corsa su strada maschile d’élite ai Campionati del mondo


Tom Pidcock ha descritto il suo debutto nella corsa su strada maschile d’élite ai Campionati del mondo su strada UCI come “un’esperienza infernale”, avendo guidato fino a un rispettabile 42 ° posto.

Il 21enne ha terminato quasi 10 minuti vincitore Julian Alaphilippe, dicendo che aveva le gambe vuote una volta che il gruppo è entrato nell’ultimo giro del circuito di Imola, ma lui e il giovane team britannico che lo ha accompagnato sono in grado di prendere molti aspetti positivi mentre costruiscono per il futuro.

“È stata un’esperienza infernale”, ha detto Pidcock dopo il traguardo. “Non abbiamo ottenuto alcun risultato ma per una squadra così giovane, siamo qui per imparare, Luke [Rowe] ha fatto un lavoro irreale per tenermi davanti come se fossi qui per vincere, il che è positivo per il futuro “.

Rowe e Pidcock sono stati avvistati in testa per tutta l’estenuante gara di 250 km, al pilota Ineos più anziano è stata concessa una buona posizione per rispetto come uno dei capitani di strada più esperti e di successo del gruppo, ora mostrando le corde a un giovane talento brillante che lo farà unisciti a lui a Ineos il prossimo anno.

>>> ‘È solo un sogno’: Julian Alaphilippe travolto dall’emozione quando diventa campione del mondo

“Luke e io abbiamo fatto una svolta in testa, abbiamo seguito il nostro piano”, ha detto Pidcock di essere rimasto in testa alla gara mentre Tadej Pogačar ha fatto esplodere la gara con il suo attacco. Ma come lui stesso aveva previsto, Pidcock si ritirò presto con l’intensificarsi della competizione.

“Non eravamo i favoriti, chissà come sarei stato dopo 260 km … non avevo affatto le gambe, le gambe erano solo vuote”, ha spiegato. “È un buon punto di partenza, ero con i primi 30 ragazzi a un giro dalla fine, quindi posso prendere gli aspetti positivi.”

Dopo aver corso la sua prima gara su strada maschile d’élite dei Campionati del Mondo, Pidcock ora salirà al WorldTour con Ineos nel 2021, e dice piuttosto minacciosamente che sarà solo “una questione di tempo” prima di tornare con i colori della Gran Bretagna ai Mondiali e impegnarsi per i massimi riconoscimenti.

“È solo una questione di tempo, avere le gambe e la resistenza per poter correre per tutta la distanza, non solo guidare l’ultimo giro”, ha detto Pidcock.



Source link