Una Strade Bianche bagnata? La previsione è di emozioni sulle strade bianche della Toscana – VeloNews.com

Una Strade Bianche bagnata?  La previsione è di emozioni sulle strade bianche della Toscana – VeloNews.com


“],” filter “: ” nextExceptions “:” img, blockquote, div “,” nextContainsExceptions “:” img, blockquote “}”>

Il aperitivi è stato servito. Tutti sono pronti per il piatto principale.

Strade Bianche è davanti e al centro dell’appetito del gruppo. Due gare, infiniti chilometri di strade bianche di ghiaia e la cornice storica di Siena, cosa non amare del giorno di corse più bello e drammatico?

Ecco un’anteprima di cosa cercare nella Strade Bianche di sabato:

Molti preferiti, un vincitore

Il ciclismo è chi sta convergendo in Toscana questo fine settimana per una delle gare più attese della stagione. Marianne Vos fa il suo debutto nei colori Jumbo-Visma, intanto Wout van Aert vede anche il suo debutto stagionale desideroso di difendere il suo titolo dal 2020.

Per quanto riguarda le donne, chi può battere la buona prestazione iniziale di SD Worx nella settima edizione della Strade Bianche Donne? Volontà Anna van der Breggen, la vincitrice del 2018, cavalca con i fiori come ha fatto a Omloop Het Nieuwsblad? Qualcuno di Trek-Segafredo o Annemiek van Vleuten che ora gareggia per Movistar, il due volte campione in carica, può lanciare una sfida?

Potrebbe essere l’anno Kasia Niewiadoma finalmente scoppia per la vittoria? Tre volte secondo e una volta terzo, il ciclista Canyon-SRAM lo spera.

“Questo è l’anno per vincere la Strade Bianche”, ha detto. “Ho preso di mira questa gara per così tanti anni.”

Leggi anche: Canyon-SRAM fiducioso davanti a Strade-Bianche

Per la gara maschile, tutti, da van Aert, Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick-Step), Bauke Mollema (Trek-Segafredo) e Tadej Pogačar (Emirati Arabi Uniti), sono pronti al traguardo in una delle più attese della stagione scontri. Un nome che manca? Peter Sagan. La star di Bora-Hansgrohe si sta ancora riprendendo da un attacco di COVID-19 ed è attesa al debutto alla Tirreno-Adriatico.

Tutti gli occhi saranno puntati sull’acclamato scontro tra van Aert e Mathieu van der Poel (Alpecin-Fenix), che ha già fatto colpo nelle sue prime gare su strada nel 2021.

“Tre giorni di gare mi bastano”, ha detto van der Poel di Strade Bianche. “Mi sento abbastanza bene. Non mi sono comportato così bene nel primo mese della scorsa stagione, ma dopo essere uscito dalla stagione di ciclocross quest’anno, ho di nuovo il flusso “.

Leggi anche: Wout van Aert non ha bisogno di gareggiare di gambe prima della Strade Bianche

Una Strade Bianche bagnata?

Il caldo e la polvere sono stati fattori chiave nella Strade Bianche 2020. (Foto: James Startt)

Il tempo è sempre un fattore determinante in ogni gara, soprattutto in una gara tecnica come la Strade Bianche. Nel 2020, Strade Bianche è stata riprogrammata per apparire ad agosto per riaprire il calendario WorldTour, quando polvere e calore hanno gettato una nuova svolta nelle linee già dinamiche della trama.

Quest’anno torna alla sua data tradizionale all’inizio di marzo. Giovedì, le squadre hanno goduto del bel tempo primaverile durante le corse in anteprima. I meteorologi, tuttavia, chiedono una probabilità del 50% di pioggia sabato mattina, con temperature fresche a metà degli anni ’50.

Leggi anche: Le migliori immagini della Strade Bianche 2020

Pioggia leggera e umidità potrebbero creare condizioni più compatte sui settori di ghiaia a volte polverosi, forse rendendo la gara un po ‘più veloce se non piove troppo. Le forti piogge, tuttavia, produrrebbero condizioni estremamente difficili e fangose.

“L’anno scorso, il tempo ha avuto il suo pedaggio, ma è stata un’edizione insolita in agosto”, ha detto Jakob Fuglsang di Astana-Premier Tech. “Quest’anno, le previsioni del tempo suggeriscono pioggia, quindi potremmo essere in una gara davvero difficile. Non vedo l’ora di correre sabato perché è una delle gare più belle della stagione “.

Apertura del Women’s WorldTour

Annemiek van Vleuten verso la vittoria nel 2020 (foto: Sara Cavallini / Getty Images)

La gara apre il WorldTour femminile 2021 e la posta in gioco non potrebbe essere più alta in tutto il gruppo.

La pandemia di coronavirus in corso ha eliminato le gare di inizio stagione nel calendario femminile, tra cui il Santos Tour Down Under e l’apertura del WorldTour alla Cadel Evans Great Ocean Road Race. Altre gare sono state cancellate in tutta Europa e oltre prima delle prime gare importanti della scorsa settimana in Belgio.

Circa 23 squadre in formazione a Siena per la tappa di 136 km che prevede 31,4 km di settori di ghiaia. La gara inizia presto alle 09:10 (CET) e ripercorre in gran parte lo stesso percorso delle ultime due edizioni. Una serie di salite e otto tratti di ghiaia detteranno le dinamiche di gara. La tradizionale ripida corsa nella storica Piazza del Campo è una delle arene di arrivo più spettacolari del ciclismo.

Leggi anche: Gli attacchi in ritardo portano la vittoria a van Vleuten

Amanda Spratt guiderà una squadra forte del Team BikeExchange alla 7a edizione del Gara femminile Strade Bianche sabato, insieme al neo acquisto del 2021 Ane Santesteban, che fa il suo debutto nei colori del Team BikeExchange.

“È una delle mie gare preferite in calendario ed è sempre così epica e iconica con le strade sterrate”, ha detto. “Stiamo andando lì con una squadra forte e la mia forma è buona, e penso che sia stato bello iniziare con una gara così dura come Omloop Het Nieuwsblad. Sono felice di averlo nelle gambe prima di Strade. Se devo segnalare alcuni tratti insidiosi direi il settore di San Martino in Grania con 9,5 km di ghiaia, spesso ventosa e pericolosa. Naturalmente, il tempo meteorologico può influenzare molto la gara “.

Leggi anche: L’impegno di crowdfunding inizia ad aumentare i premi in denaro per la corsa femminile

Il WorldTour femminile 2021 continua con una serie di gare di un giorno prima della prima corsa a tappe alla Vuelta a Burgos Feminas in Spagna a maggio.

Il profilo del percorso delle Strade Bianche Donne 2021.

Chi interromperà il “Wout and Mathieu Show”?

Analisi di potenza Strade Bianche 2020 di Wout Van Aert. Wout van Aert torna come campione in carica. (Foto: Tim de Waele / Getty Images)

Molto si sta facendo della prima resa dei conti tra Mathieu van der Poel e Wout van Aert nella stagione 2021 su strada. La coppia si è scontrata per l’ultima volta al Giro delle Fiandre e ai campionati mondiali di ciclocross del 2021 con risultati spettacolari, con van der Poel che è uscito in cima a entrambe le gare.

Il campo maschile è pieno di aspiranti usurpatori della narrativa secondo cui “VanderWout” dominerà la narrazione attraverso i classici della primavera del 2021. Il primo tra loro è il campione del mondo Julian Alaphilippe, vincitore della Strade Bianche 2019 che è emerso come il singolare corridore che sembra avere le gambe per confrontarsi testa a testa con van der Poel e van Aert.

“Se riusciamo a mantenere la forza della squadra e questo spirito della squadra – il ‘Wolfpack’ come lo chiamiamo – allora sai cosa fanno i lupi con le loro vittime?” Ha chiesto il boss di Deceuninck-Quick-Step Patrick Lefevere. “Essi [isolate] loro, ed è quello che faremo nei prossimi mesi “.

Leggi anche: Deceuninck-Quick-Step rimane fedele alla sua tattica nei classici di primavera

Diverse squadre di alto livello portano i candidati a cavalcare per primi nella piazza di Siena. Il due volte vincitore Michal Kwiatkowski guida una Ineos-Grenadiers rianimata, insieme a Thomas Pidcock ed Egan Bernal. La squadra è in lacrime finora nel 2021, con Bernal che è arrivato secondo nel Trofeo Laigueglia di mercoledì.

“Stiamo correndo in modo diverso e vogliamo che i fan si divertano”, ha detto Bernal. “Vogliamo continuare così, e se abbiamo le gambe, lo faremo. Mi sto divertendo.”

Leggi anche: Tom Pidcock guida la rinascita di Ineos Grenadiers nei classici

Altri piloti che entrano in Strade Bianche con slancio includono Bauke Mollema (Trek-Segafredo), che ha già vinto due volte nel 2021. Greg Van Avermaet guida un’ambiziosa squadra Ag2r-Citroën desiderosa di mostrare la sua nuova attitudine alle classiche. Tadej Pogačar fa il suo debutto in Europa con una squadra di Emirati Arabi Uniti-Emirati Arabi Uniti che non include il nuovo firmatario Marc Hirschi, che dovrebbe debuttare alla Volta a Catalunya in Spagna.

“L’anno scorso ho avuto una giornata fantastica sulla moto qui e sono riuscito a finire secondo e salire sul podio”, ha detto Davide Formolo, pilota dell’UAE-Team Emirates. “È una gara che mi si addice bene e in cui posso fare bene. Inizierò con meno pressione quest’anno perché le mie condizioni sono ancora in fase di costruzione. Tadej è in buona forma al momento e l’idea è che entrambi arriveremo in fondo alla finale con il maggior numero possibile di compagni di squadra. Può essere una gara imprevedibile, ma sabato possiamo giocare a nostro vantaggio “.

La gara maschile di 184 km coprirà 11 settori per un totale di 63 km di ghiaia.

Il profilo per il percorso Strade Bianche maschile.

Dove guardare e quali nordamericani stanno gareggiando

Prendi i tuoi popcorn e rimanda le pulizie di primavera, non perderti questo. Le gare iniziano presto in Nord America, con la gara femminile programmata per iniziare alle 6:30 EST e quella maschile alle 7:50 EST.

Leggi anche: Come guardare in diretta le Strade Bianche

La Strade Bianche è una delle gare più attese della stagione e si classifica proprio lì con il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix in termini di attacchi, battute d’arresto, incidenti e fortuna che si sommano per determinare i vincitori.

Merita lo status di monumento? Ci immergiamo in entrambi i lati dell’argomento: La Strade Bianche dovrebbe essere considerata uno dei cinque monumenti del ciclismo?

Ci sono diversi piloti nordamericani in fila per entrambe le gare. Ecco chi sta correndo:

Gara femminile: Leah Thomas (Movistar), Arlenis Sierra e Lizbeth Salazar (AR Monex), Olivia Baril (Massi-Tactic), Leah Kirchmann (Team DSM), Kristen Faulkner e Laura Stephens (TIBCO-SBV), Taylor Wiles (Trek-Segafredo)

Gara maschile: Hugo Houle (Astana-Premier Tech), Lawson Craddock, Alex Howes (EF Education-Nippo), Guillaume Boivin (Israel Start-Up Nation), Kevin Vermaerke (Team DSM), Brent Bookwalter (Team BikeExchange), Quinn Simmons (Trek- Segafredo) e Abner González (Movistar)



Source link