Tutto quello che devi sapere sui campionati mondiali di eSport UCI su Zwift – VeloNews.com

Tutto quello che devi sapere sui campionati mondiali di eSport UCI su Zwift – VeloNews.com


“],” filter “: ” nextExceptions “:” img, blockquote, div “,” nextContainsExceptions “:” img, blockquote “}”>

L’inaugurale Campionati mondiali di eSport UCI su Zwift è in arrivo il 9 dicembre. Sì, Zwift Worlds sta accadendo e sarà trasmesso in streaming online.

Di seguito sono riportate 11 risposte alle domande più comuni che ho riscontrato sull’evento.

Dove posso guardarlo e quando sta succedendo?

Le gare inizieranno mercoledì 9 dicembre alle 8:45 EST. Puoi riprodurlo in streaming Il canale YouTube di Zwift e così via Zwift Live Facebook.

In che modo l’UCI dichiara un vincitore?

È piuttosto semplice. Il primo corridore che taglia il traguardo vince. Non ci sono punti, bonus, nessuna matematica coinvolta. È una semplice gara gratta e vinci e il primo, il secondo e il terzo sono tutti in denaro.

Aspetta, ci sono soldi coinvolti?

Si! La gara paga un sacco di soldi, uguali per le gare maschili e femminili. Il primo posto ottiene € 8.000, il secondo posto € 4.000 e il terzo posto € 2.000.

Parlami del corso.

Sia gli uomini che le donne affronteranno un percorso identico, lungo esattamente 50 chilometri. La gara si svolgerà su Watopia, il mondo virtuale originale creato per Zwift, e il percorso è un viaggio a ritroso sul percorso Figure 8 di Watopia. Il percorso della Figura 8 comprende i percorsi collinari e pianeggianti di Watopia in entrambe le direzioni e la gara sarà probabilmente composta da 1 e 2/3 giri di questo percorso. La gara termina quindi con una salita su un cavatappi QOM / KOM di 3,7 km con una media del 3,2% con un passo massimo dell’8,8%.

Perché sono solo 50 km?

L’UCI e Zwift hanno soppesato una serie di fattori per la durata, in particolare la durata di una trasmissione in diretta e il fattore di eccitazione per le gare Zwift famigeratamente dure e a tutto campo. La corsa di 50 km richiederà probabilmente poco più di un’ora per essere completata. Se ce l’avessero fatta, i fan potrebbero non guardare e i ciclisti potrebbero cadere dalle loro cyclette a causa dell’esaurimento.

Che tipo di corridore si adatta al corso?

Dipende da chi chiedi. Gli alpinisti indicano i velocisti, i velocisti indicano gli scalatori e tutti sembrano pensare che il percorso sia adatto a qualcun altro. Jacob Fraser, uno dei dipendenti Zwift che ha contribuito a progettare il percorso, ha detto che il ciclista ottimale è un ciclista in stile classico che ha un pugno esplosivo in salita. Quindi, pensa a Peter Sagan, Greg van Avermaet o Anna van der Breggen.

I ciclisti possono usare quei potenziamenti di cui continuo a sentire?

Sì, ma l’uso dei potenziamenti è stato modificato rispetto a ciò che si vede normalmente nel gameplay di Zwift. Per i campionati mondiali di eSport, sono consentiti solo due dei sette power-up: il power-up leggero (piuma) e l’aero boost (casco). La funzione riduce il peso di un ciclista del 10 percento per 15 secondi, quindi puoi aspettarti di vedere i ciclisti utilizzare questo potere prima del lungo o. salite di medie dimensioni. Il potenziamento del casco aerodinamico riduce la resistenza aerodinamica del pilota di un coefficiente del 25 percento per 15 secondi. Aspettatevi di vedere questo potenziamento utilizzato negli appartamenti o per lo sprint finale.

I motociclisti avranno l’opportunità di ottenere potenziamenti a 11 punti durante la gara, quindi aspettati di vedere i motociclisti schierare questi potenziamenti con regolarità.

Apparentemente, l’uso di power up ha creato una certa tensione tra Zwift e l’UCI, poiché l’organo di governo non deve supervisionare elementi di gamification come questo durante le gare all’aperto. I funzionari di Zwift volevano che tutti e sette i potenziamenti fossero disponibili mentre l’UCI non ne voleva nessuno. Il compromesso: due, che danno ai motociclisti il ​​50% di possibilità di ottenerne uno.

Ci sono squadre?

Sì. Come la maggior parte dei campionati mondiali d’elite UCI, i mondi di eSport vedranno squadre nazionali in competizione per la vittoria. Ci sono 22 nazioni rappresentate e la gara femminile comprende 55 corridori mentre la gara maschile ne ha 78.

Come facciamo a sapere che il vincitore non sta solo tenendo un trapano a batteria Milwaukee M18 Super Hawg al suo allenatore intelligente o sottraendo 50 libbre dal suo peso nella pagina dei dati Zwift?

Buona domanda. Secondo le regole UCI, la verifica dei risultati per l’evento spetta all’organizzatore, quindi in questo caso è Zwift.

Zwift ha fatto di tutto per sorvegliare i suoi partecipanti per attività nefaste e per tutto il 2020 la società ha aumentato gli sforzi per le sue serie pro / am come Zwift Classics, Tour for All e Virtual Tour de France. Noi ha coperto gli sforzi di Zwift circa la verifica dei risultati in profondità su velonews.com.

In breve, i corridori devono accettare un lungo elenco di regole e regolamenti prima di poter iniziare la gara. Devono accettare di riprendere se stessi durante l’evento con la telecamera o tramite il proprio laptop per assicurarsi che non siano in uso motori o utensili elettrici; devono inviare un video di loro che eseguono un controllo del peso il giorno dell’evento; devono utilizzare tutti lo stesso rullo smart per l’evento, un Tacx Neo 2T; devono utilizzare un cardiofrequenzimetro e disporre di due dispositivi indipendenti che misurano e raccolgono i dati sulla potenza.

Oltre a ciò, Zwift ha un piano per i campionati mondiali di eSport che ritiene eliminerà gli imbrogli. I corridori partecipanti hanno già corso su Zwift. Quindi, i data manager di Zwift hanno già dati sulla potenza di questi motociclisti di gare e corse precedenti. Perché questo è importante? Supponiamo che un ciclista attacchi a 11 watt per chilogrammo e mantenga quella potenza per 10 minuti. I data scientist di Zwift possono esaminare le precedenti gare Zwift di quel pilota per vedere se ha già registrato una potenza così sovrumana. Possono anche esaminare i dati Strava di quel ciclista e i dati sulla potenza delle corse all’aperto per vedere se il ciclista è in grado di guidare.

Chi vincerà?

Non lo sappiamo! Il dibattito in corso in questa e in altre gare pro Zwift si concentra su chi ha il vantaggio: i corridori professionisti su strada del WorldTour oi corridori indoor dedicati che competono prevalentemente su Zwift. I roadies sono più forti, ma i veterani di Zwift conoscono meglio le sfumature del ciclismo virtuale. Le partenze sono intense, il draft è diverso e la tattica è diversa da quella che si vede nel ciclismo su strada. La mia ipotesi è che i vincitori saranno i piloti che hanno il meglio di entrambi i mondi: potenza ed esperienza. Nella gara femminile, i miei soldi sono su Ashleigh Moolman Pasio del Sud Africa. Scegliere il vincitore di un uomo è indovinato da chiunque.

Aspetta, perché diavolo stanno organizzando un campionato mondiale di corse di moto per videogiochi?

Domanda giusta. Senti, mi rendo conto che per chi non lo sapesse, Zwift e gli eSport e le corse di biciclette virtuali sembrano sciocchi. Per quelli di noi che l’hanno provato, guardato le gare dal vivo o partecipano regolarmente a eventi di ciclismo virtuali, gli eSport sono un sostituto adeguato per le cose reali a prova di 100. E per tutto il 2020, avevamo tutti bisogno di trovare un sostituto per le corse ciclistiche IRL (nella vita reale). Non dovrebbe sorprendere che la partecipazione su Zwift e altre piattaforme virtuali sia aumentata alle stelle quest’anno a causa della perdita di eventi di partecipazione di massa a causa della pandemia COVID-19. Credo che gli utenti di Zwift abbiano pedalato in totale la distanza equivalente dalla Terra agli anelli esterni di Saturno dal lancio della piattaforma nel 2014. Inoltre, non dovrebbe sorprendere che gli eSport d’élite abbiano fatto un enorme balzo in avanti quest’anno, con la serie pro su Zwift che ha attirato l’attenzione e attirato le stelle autentiche di questo sport.

Quindi, la mia vera risposta agli oppositori è: Scusate, gente. Il genio del ciclismo virtuale è uscito dalla bottiglia e non tornerà presto dentro. Puoi provarlo o no. Ma lamentarsi dei meriti del ciclismo virtuale, a un certo punto, ti renderà il proverbiale vecchio che urla contro una nuvola.



Source link