Tom Pidcock guida la rinascita dei classici all’Ineos Grenadiers – VeloNews.com

Tom Pidcock guida la rinascita dei classici all’Ineos Grenadiers – VeloNews.com



Esclusiva per i membri

Diventa un membro per sbloccare questa storia e ricevere altri fantastici vantaggi.

Non aggiustare i tuoi televisori. Hai visto Ineos Grenadiers animando l’azione ai classici di primavera questo fine settimana, e non è stato così Michał Kwiatkowski fare le mosse.

Tom Pidcock e Jhonatan Narvaéz ha illuminato il “weekend di apertura”, portando la visione del capo di Ineos Dave Brailsford di una squadra d’attacco in nuovo stile dalle montagne dei grandi tour alle pietre e all’arredo urbano di Omloop Het Nieuwsblad e Kuurne-Brussel-Kuurne.

Relazionato:

Narvaéz ha eguagliato il motore di Mathieu van der Poel in un raid a lungo raggio a Kuurne prima che Pidcock conquistasse il terzo posto nello sprint di gruppo. Solo 24 ore prima, il 21enne Pidcock aveva gettato al vento la prudenza nella sua primissima gara di un giorno nel WorldTour, facendosi strada rumorosamente attraverso Omloop con una serie di attacchi e contrattacchi che hanno dimostrato di essere intimidito da niente e niente uno.

Le buffonate spavalde del giovane duo lo scorso fine settimana potrebbero segnare un punto di svolta per Ineos Grenadiers e la sua lunga sfida unidimensionale dei classici.

Da quando Kwiatkowski ha raggiunto l’oro nel 2017 con la vittoria sia a Milano-Sanremo che a Strade Bianche, il Team Sky / Ineos-Grenadiers si è affidato quasi esclusivamente al polacco puncheur per la rappresentazione attraverso la primavera. E ora all’improvviso ci sono Pidcock, Narvaéz e altri ancora – e tutti hanno 24 anni o meno.

Narvaez aveva le gambe – e il fegato – per andare lontano con van der Poel a Kuurne. Foto: Luc Claessen / Getty Images

Pidcock ha il prometti e brio per diventare stellare.

Narvaéz, 23 anni, l’anno scorso ha mostrato le sue doti nelle gare più crude, sventrando una vittoria in fuga in uno dei giorni più difficili del Giro d’Italia bagnato di pioggia.

Il 24enne Filippo Ganna potrebbe esserlo il nuovo Fabian Cancellara ed è impostato per un ruolo al centro delle campagne di ciottoli della sua squadra per gli anni a venire. Ethan Hayter, 22 anni, ha realizzato uno sprint potente che lo ha già visto muscoloso al fianco di battitori di un giorno come Jasper Stuyven, Alexander Kristoff e Sonny Colbrelli in rapidi traguardi durante la sua breve carriera da professionista.

Getta Gianni Moscon, 26 anni, nel mix, e Ineos all’improvviso ha un’unità di classici di un certo peso, con i giocatori chiave Pidcock e Ganna entrambi legati a contratti a lungo termine.

L’arrivo di Pidcock potrebbe dimostrare la fiamma necessaria per accendere il potenziale esistente ma stagnante del team sulle strade del nord Europa.

Il bolshie Brit ha grandi ambizioni di un giorno e vuole raggiungerle ora. In precedenza, Narvaéz, Ganna e Moscon avevano tutti d’occhio l’obiettivo numero uno della squadra nei grandi giri. Con tre anni di contratto – e le gambe per eguagliare artisti del calibro di Wout van Aert e Mathieu van der Poel – Pidcock ha la saggezza e la sicurezza per trascinare la squadra al centro delle classiche di primavera, che Brailsford sia pronto o meno. .

Il giovane granatiere è pronto a continuare la sua campagna di un giorno alla Strade Bianche sabato e probabilmente si muoverà in testa con artisti del calibro di van Aert, van der Poel e Julian Alaphilippe. Potrebbe essere il veicolo per tutti i terreni che porta veramente la squadra in un nuovo territorio.



Source link