‘Sto correndo con i migliori ragazzi e sono davvero ad un buon livello’: James Knox è soddisfatto della forma recente

‘Sto correndo con i migliori ragazzi e sono davvero ad un buon livello’: James Knox è soddisfatto della forma recente


James Knox di Deceuninck-Quick-Step è felicissimo della sua forma attuale mentre raggiunge la terza partecipazione consecutiva al Giro d’Italia.

Il venticinquenne britannico sta attualmente correndo il Giro dei Paesi Baschi ed è arrivato settimo al traguardo della cima della terza tappa e ottavo nella quarta tappa dopo un altro test collinoso.

Preparandosi per il Giro – dove ha concluso 14 ° lo scorso autunno, tre posizioni sotto il suo 11 ° posto alla Vuelta a España 2019 – Knox si aspetta di gareggiare alle Ardenne Classiche prima del Gran Giro d’Italia e ha detto Ciclismo settimanale che le sue recenti esibizioni gli hanno fatto piacere.

“Sono molto contento della mia forma”, ha detto il Cumbrian. “Ho passato un periodo difficile durante i grandi giorni alla Volta a Catalunya, ma mi sono anche alzato per strada e ho assorbito bene la settimana, e in questo momento sono proprio nel mix qui.

“Ho lavorato duramente per tutto l’inverno e speravo di essere a un buon livello per le gare precedenti, ma non ci sono riuscito. Ma ora posso vedere dalla mia potenza, dal mio peso e dal modo in cui sto guidando con i migliori ragazzi che sono davvero ad un buon livello.

“Sembra solo un settimo posto quello che ho ottenuto l’altro giorno, ma quando guardi i ragazzi che erano solo pochi secondi davanti a me [16 seconds behind winner Tadej Pogačar – ed], questi sono ragazzi che hanno vinto Grand Tour e Campionati del Mondo, mentre David Gaudu si sta trasformando in una grande star.

“Ero davvero contento di dove ho finito e molto contento della prestazione e posso prendere molta fiducia guardando i grandi obiettivi in ​​arrivo”.

Knox era originariamente programmato per partecipare al Tour de Romandie e non ha elaborato in quale delle tre classiche delle Ardenne parteciperà, ma spera in ulteriori buone proiezioni prima del Giro.

>>> ‘Non so cosa stessero pensando’: Tadej Pogačar e il nuovo leader Brandon McNulty confusi dalla tattica di Jumbo-Visma al Tour of the Basque Country

“Spero di mantenere lo stesso livello che ho in questo momento per queste gare e di essere nel bel mezzo di esso”, ha aggiunto.

“La squadra funziona come un libro aperto, ma se abbiamo Julian [Alaphilippe] lì e forse João [Almeida] si presenteranno, questi sono i pezzi grossi e al momento sono sotto di loro nell’ordine gerarchico, ma va bene.

“Se arrivo alla finale di queste gare e ho l’opportunità di correre in modo aggressivo, posso vedere cosa posso fare e cosa può succedere”.



Con due tappe rimaste nei Paesi Baschi, l’ultima giornata sembra un’opportunità per i corridori del tipo Knox. Ha anche un altro vantaggio.

“Ho guidato qui con Mark Donovan, anche lui della Cumbria, e ridevamo dicendo che è come il Lake District spagnolo”, ha detto.

“Qui è più estremo, le salite sono ancora più ripide, ma c’è pioggia, strade piccole ed è tutto simile a casa come sto per arrivare.

“La salita al terzo stadio è stata pazzesca. Era questa strada casuale da un villaggio casuale che non andava da nessuna parte, ma penso che per due chilometri abbia avuto una pendenza media del 18 percento e poi la parte pianeggiante era ancora 11 o 12. Non sono riuscito a aggirare l’interno dei tornanti e ho dovuto andare fino in fondo più ampia che potevo. “

Allora cosa c’è di più difficile: Hardknott Pass o la salita a Ermualde? “Pensavo che la scalata qui fosse solo un po ‘più difficile”, ha detto ridendo.



Source link