Sette dei trasferimenti di ciclismo professionistico più entusiasmanti per il 2021

Sette dei trasferimenti di ciclismo professionistico più entusiasmanti per il 2021


La fine della stagione 2020 rappresenterà un sollievo per molti professionisti del gruppo, dopo tutta l’incertezza e lo stress dell’anno scorso.

Alcuni di quei piloti guarderanno anche al 2021 con un nuovo kit e una nuova squadra, poiché ci sono alcuni enormi trasferimenti in corso in questa bassa stagione.

Dalle star del Grand Tour piace Chris Froome e Romain Bardet, per piloti dominanti come Annemiek van Vleuten, ci saranno alcuni grandi cambiamenti a cui abituarsi il prossimo anno.

Diamo un’occhiata ad alcuni dei più grandi trasferimenti per il 2021:

Annemiek van Vleuten e Marianne Vos

Annemiek van Vleuten (foto di Luc Claessen / Getty Images)

È raro che un trasferimento abbia un impatto sull’intero plotone, ma nel 2021 le gare femminili saranno completamente rimodellate da due enormi trasferimenti quando Annemiek van Vleuten e Marianne Vos lasceranno entrambe le rispettive squadre.

La coppia olandese ha ottenuto più di 300 vittorie tra di loro (231 per Vos, 73 per Van Vleuten) ed entrambi continuano a dominare il gradino più alto in una serie di gare.

Van Vleuten si unirà alla squadra spagnola del WorldTour Movistar dopo cinque anni con Mitchelton-Scott.

Dopo aver vinto due titoli del Giro Rosa, due maglie da cronometro per i Campionati del mondo e la vittoria nella corsa su strada dei Mondiali 2019, Van Vleuten probabilmente trasformerà l’intero team Movistar.

Vos, tre volte campionessa del mondo, ha cambiato squadra in modo più coerente durante la sua carriera e lascerà CCC-Liv dopo due anni.

Marianne Vos vince La Course 2019 (Jeff Pachoud / AFP tramite Getty Images)

La 33enne si unirà alla nuova squadra femminile Jumbo-Visma, dandole la possibilità di correre per una squadra di casa.

Se la squadra Jumbo femminile è qualcosa di simile all’outfit maschile, potremmo vedere una nuova super squadra con un fuoriclasse al timone.

Chris Froome e Romain Bardet

Chris Froome alla Tirreno-Adriatico 2020 (foto di Justin Setterfield / Getty Images)

I più grandi contendenti del Grand Tour spesso rimangono con le stesse squadre per lunghi periodi, poiché la costanza è fondamentale quando si lotta per la vittoria in una gara di tre settimane, ma quest’anno due dei più grandi nomi del Tour de France scuoterà le cose.

Chris Froome lascerà Ineos Grenadiers, ex Team Sky, dopo un decennio, mentre Romain Bardet si separerà dall’Ag2r La Mondiale dopo otto stagioni.

Entrambi i piloti sono stati regolarmente sul podio del Tour de France: Froome sul gradino più alto in quattro occasioni, mentre il francese Bardet è arrivato secondo e terzo a Parigi.

Froome, che ora ha 35 anni, si dirigerà verso Israel Start-Up Nation per assumere la guida unica del Grand Tour, mentre Ineos punta a sostenere piloti come Egan Bernal e Richard Carapaz in futuro.

L’inglese si sta anche riprendendo da gravi infortuni subiti la scorsa stagione, quindi la domanda ora è: sarà in grado di tornare al meglio, adattandosi anche a una squadra completamente nuova.

Bardet ha lottato per i risultati nel Tour negli ultimi anni, spingendolo a cercare un nuovo inizio con Sunweb, che si sta ricostruendo dopo la partenza di Tom Dumoulin.

Sunweb si separa anche da piloti come Sam Oomen e Wilco Kelderman, quindi Bardet occuperà un posto di rilievo nella squadra, ma ha anche detto che vuole concentrarsi maggiormente anche sulle classiche, dove Sunweb sta apportando miglioramenti decenti.

Tom Pidcock

Tom Pidcock (David Stockman / BELGA MAG / AFP tramite Getty Images)

L’arrivo di Tom Pidcock a livello WorldTour è stato a lungo atteso, poiché lo Yorkshireman è stato paziente con il suo sviluppo tra i ranghi under 23

Ma il momento è arrivato e Pidcock si unirà alla squadra più grande che ci sia, Ineos Grenadiers.

Ci sono una serie di domande che il trasferimento pone, tuttavia, soprattutto su come la pressione di correre per una squadra britannica avrà un impatto sul 21enne, e anche se gli verrà dato libero sfogo per competere tra le discipline.

Pidcock ha dominato la scena U23 nelle corse su strada, nel ciclocross e nella mountain bike, diventando anche il campione del mondo di e-MTB quest’anno.

Dopo aver firmato con per tre anni, è chiaro che lo sviluppo è ancora l’obiettivo di Pidcock e Ineos.

Teniel Campbell

Teniel Campbell al Giro Rosa (foto di Luc Claessen / Getty Images)

Descritto come “uno dei talenti grezzi più promettenti”, Teniel Campbell è un pilota da tenere d’occhio nel 2021.

La 23enne si unirà al Women’s WorldTour con Mitchelton-Scott la prossima stagione dopo aver sviluppato i suoi talenti al World Cycling Center dal 2018.



Campbell, di Trinidad e Tobago, ha dichiarato: ” Mitchelton-Scott è stata la mia squadra dei sogni sin da quando ero al World Cycling Center, alcuni giorni devo darmi un pizzicotto per credere che stia realmente accadendo.

“Non avrei mai pensato che sarei arrivato a questo punto così rapidamente … esibirmi così bene tra i migliori in Europa è stato davvero uno shock per tutti perché non si aspettavano che mi inserissi così rapidamente e che fosse già una forza con cui fare i conti il circuito.”

Anche se Campbell è stata scelta come potenziale specialista dei classici, spera anche di provare le corse a tappe per scoprire se ha la capacità di diventare una concorrente della classifica generale.

Greg Van Avermaet

Greg Van Avermaet (foto di Tim de Waele / Getty Images)

Ci sarà movimento anche tra le stelle della Classics, poiché Greg Van Avermaet lascerà il CCC Team poiché il futuro della squadra sembra incerto.

Van Avermaet si dirigerà verso l’Ag2r La Mondiale, una squadra non famosa per il suo prestigio nelle Classiche ma che sta apportando miglioramenti in primavera.

Il campione olimpico Van Avermaet si unirà al connazionale Oliver Naesen alla rinominata Ag2r-Citroën con un contratto triennale, per dare alla squadra francese qualche opportunità in più nelle gare di un giorno.

Naesen ha un podio a Milano-San Remo, Ghent-Wevelgem ed E3 Harelbeke ma non ha ancora ottenuto una grande vittoria nelle classiche, mentre Van Avermaet ha due edizioni di Omloop Het Nieuwsblad a suo nome, insieme a un titolo Parigi-Roubaix e Ghent-Wevelgem e l’E3.

>>> Abbiamo parlato con il ragazzo che ha corso per un minuto in salita al fianco di Chris Froome alla Vuelta a España

Ma il sogno di vincere il Giro delle Fiandre continua a sfuggire a Van Avermaet, in quanto il belga è stato costretto a saltare il suo monumento di casa quest’anno a causa di un infortunio.

Benoît Cosnefroy di Ag2r ha anche mostrato un grande potenziale nelle gare di un giorno, con podi a Flèche Wallonne, Brabantse Pijl e Paris-Tours quest’anno, rendendo Ag2r una squadra da tenere d’occhio per il futuro.



Source link