Recensione del casco Giant Rev Pro MIPS: un’opzione di fascia alta con una vestibilità esigente


I più grandi nomi nel settore delle biciclette si stanno muovendo per sempre verso l’essere marchi a servizio completo. Dall’offerta dei componenti che compongono le biciclette, agli abiti che vengono indossati durante la guida, questi marchi vogliono il tuo business. E negli ultimi anni queste aziende da miliardi di dollari hanno investito somme considerevoli nella ricerca e nello sviluppo di prodotti più piccoli.

Probabilmente seguendo le orme di Specialized e Trek, il più grande produttore di biciclette al mondo, Giant, ha costantemente migliorato la sua gamma di abbigliamento e accessori. Una delle versioni più recenti è il Rev Pro MIPS, un casco da strada di livello professionale che cerca di bilanciare traspirabilità, peso ridotto, aerodinamica e sicurezza.

Caratteristiche principali

Punti salienti della storia

  • Che cosa: Il casco da corsa su strada Giant di alto livello e più traspirante.
  • Aggiornamenti chiave: Maggiore copertura della testa e implementazione MIPS, forma aerodinamica, profilo più stretto.
  • Peso: 296 g (medio, standard australiani)
  • Prezzo: US $ 250 / AU $ 350 / € 200
  • Alti: Chiara attenzione alla sicurezza, costruzione durevole, sensazione di traspirabilità, silenziosità, ampia gamma di regolazione in cinghie e sistema di ritenzione.
  • Minimi: Vestibilità polarizzante, peso, non risolve i gocciolamenti di sudore, compatibilità con alcuni occhiali, sicurezza sconosciuta e prestazioni aerodinamiche.

Anche se sembra che Giant non sia entrato nel mercato dei caschi come i rivali Specialized e Trek (Bontrager), la società è abbastanza fiduciosa nelle prestazioni dei prodotti che sta producendo.

Alcuni anni fa Giant ha affermato che il suo casco da strada aerodinamico Pursuit era competitivo veloce pur essendo più traspirante di molti altri caschi da strada aerodinamici sul mercato. Nel frattempo, la versione precedente del casco testata qui, il Rev, è stata considerata una delle scelte più efficienti in termini di ventilazione e raffreddamento.

Giant è stato uno dei primi marchi a concentrarsi sull’ottimizzazione dei canali interni di un casco a vantaggio dell’aerodinamica e, come vantaggio laterale, anche la ventilazione è notevolmente migliorata. E con l’aiuto del partner di collaudo e progettazione aerodinamica di Giant, Ingegneria aerodinamica (ACE), il nuovo Rev Pro MIPS mira a mantenere la briosità del suo predecessore rendendolo più scorrevole al vento (nessun dato fornito).

Di conseguenza, il nuovo Rev Pro MIPS offre 20 prese d’aria con una generosa canalizzazione interna. Il sistema di ritenzione regolabile in altezza a cinque posizioni di Giant si integra con la fodera MIPS personalizzata, mentre i numerosi cuscinetti del casco sono tutti dotati di materiale antimicrobico. Nel frattempo, le cinghie sottili sono dotate di divisori regolabili e una semplice fibbia a clip.

Il Rev Pro MIPS offre un’imbottitura generosa e una canalizzazione interna dettagliata.

Questo casco non è la cosa più leggera in circolazione, e non è una sorpresa data la fodera MIPS e il fatto che gran parte dell’esterno è protetto dal guscio in policarbonato stampato. Ho pesato un mezzo approvato australiano a 296 g, mentre un piccolo fa risparmiare 12 grammi. Le versioni CPSC dovrebbero essere più leggere.

Il casco Giant Rev Pro MIPS viene venduto a US $ 250 / AU $ 350 / € 200, un prezzo che lo colloca come un’offerta di alto livello ma che rimane leggermente più conveniente rispetto ad altre opzioni di alto livello.

La vestibilità

Giant offre Rev Pro MIPS in tre dimensioni e, a seconda di dove vivi nel mondo, avrai accesso a una delle due forme distinte. La maggior parte dei mercati occidentali vende la forma ovale (come testato), mentre esiste una versione più arrotondata venduta nei mercati asiatici.

La forma testata è ancora più ovoidale di molti altri caschi modellati per il mercato occidentale, e non era una misura naturale per la mia testa (che di solito va d’accordo con i caschi di design europeo). La taglia media era comoda ma offriva troppo spazio per galleggiare e sedeva troppo in profondità sulla mia testa, mentre la piccola mi vedeva subire punti di pizzicamento sui bordi del mio cranio attraverso il centro della testa come se la forma del casco fosse troppo triangolare. E anche se non l’ho testato, sembra che il montaggio asiatico mi si adatti meglio.

“Stiamo studiando questo problema per vedere se siamo in grado di fornire rapporti migliori alle nostre società di vendita per la pianificazione e le previsioni nei loro mercati”, ha spiegato Jeff Schneider, responsabile del prodotto e del marketing nella divisione attrezzi di Giant. “Negli Stati Uniti, ad esempio, nella maggior parte dei casi, hanno davvero bisogno solo della taglia M” rotonda ” [to be added] e sembra soddisfare la maggior parte delle esigenze del mercato, ma ne hanno viste alcune in cui potrebbe essere necessaria la taglia S. ”

Il mezzo (nella foto) sembrava un po ‘troppo grande ma riusciva comunque a offrire un profilo frontale sottile.

Il profilo del casco offre ovviamente una copertura profonda sulle tempie, una caratteristica sorprendentemente non più comune. La parte posteriore del casco ha una protezione piuttosto superficiale, ma l’area dietro le orecchie guadagna una copertura superiore alla media, risolvendo efficacemente il problema.

Quella protezione allungata sulle tempie dà la sensazione di un casco aderente che privilegia la sicurezza, ma ho riscontrato problemi con gli occhiali a stelo diritto, come l’Oakley Radar EV, che sbatteva contro questo profilo più generoso. Giant afferma che la compatibilità con gli occhiali popolari era un obiettivo chiave del design mentre aumentava la protezione, ma ci saranno sicuramente alcune combinazioni che non sono l’ideale.

La maggiore protezione sulle tempie ha un impatto su quali occhiali si adattano meglio.

Il sistema di ritenzione offre un ampio raggio di regolazione e l’ho trovato comodo. La regolazione in altezza è complicata da usare, ma mi piace che Giant abbia modellato in guide di plastica invece di agganciare quella regolazione direttamente nella schiuma EPS come su alcuni altri caschi.

Sicurezza

La copertura profonda sopra le tempie e dietro le orecchie precedentemente menzionata aiuta a creare un casco che si sente più sicuro da indossare rispetto ad alcuni dei caschi da corsa più minimalisti. Aggiungi la fodera MIPS e un peso abbastanza robusto sulla bilancia e le cose indicano che questo casco è sul lato più sicuro.

“Tutti i nostri caschi soddisfano gli standard di test AU / NZ e CPSC [and] sono solo MIPS per assorbire gli impatti rotazionali “, ha affermato Schneider. “A parte questo, posso affermare che il nostro obiettivo numero uno per i caschi è la sicurezza dei nostri clienti. Altri marchi pubblicizzeranno pesi in base agli standard CE, ma Giant / Liv non produce caschi certificati CE poiché riteniamo che lo standard manchi di sicurezza in linea con i nostri obiettivi e standard “.

Questo casco offre un’ottima copertura agli impatti laterali.

Sfortunatamente, ad oggi, non ci sono stati risultati di test indipendenti da laboratori come Virginia Tech per questo casco, o per qualsiasi altro casco della gamma Giant. Certo, supera gli standard di sicurezza più severi attualmente richiesti, ma il modo in cui si confronta con altri caschi è attualmente sconosciuto, ed è un peccato perché sospetto che andrebbe abbastanza bene.

Prestazione

Il Rev Pro MIPS fa un lavoro rispettabile nel mantenere la testa fresca, ma non è il coperchio più ventilato che abbia mai indossato. Alla velocità il flusso d’aria è abbondante e ho scoperto che teneva a bada i gocciolamenti di sudore e la mia testa fresca. Allo stesso modo, non è ovviamente rumoroso per le orecchie. Anche a queste velocità più basse il casco riesce comunque a sentirsi abbastanza fresco, tuttavia, non ci sono caratteristiche evidenti per mantenere asciutto il pad sopracciglia e ho sofferto occasionalmente di gocciolamenti di sudore durante le salite.

Il paracolpi anteriore è a diretto contatto con la calotta del casco. Inclina la testa e il tuo sudore non avrà molte opzioni su dove andare.

La fodera MIPS personalizzata qui utilizzata è sicuramente più minimalista e ariosa rispetto alle fodere tradizionali utilizzate nei caschi come il Lazer G1 MIPS, ma il suo design connesso sembra ancora ostacolare l’assoluta efficacia della canalizzazione interna. Come se spesso il caso con la maggior parte dei caschi dotati di MIPS, c’è un compromesso, ma almeno il sistema MIPS utilizzato qui è davvero un vero rivestimento monopezzo che scorre indipendentemente dalla calotta.

La qualità costruttiva del casco indica che questa è un’opzione robusta con punti di fissaggio sicuri per le cinghie e il sistema di ritenzione. Inoltre, non ci sono materiali morbidi o clip che si staccano o si rompono nel sistema di ritenzione. E come accennato c’è un bel po ‘di copertura per la schiuma EPS (tranne che alla base del casco). Supponendo che non sia coinvolto in un incidente, questo casco dovrebbe durare di gran lunga un numero di caschi più delicati (come il Kask Valegro).

Il casco offre un profilo frontale stretto e una forma elegante, ma non posso parlare delle sue qualità aerodinamiche o di come si confronta con gli altri. E mentre Giant afferma che questo nuovo casco è più veloce della versione precedente, coloro che si concentrano sui numeri di resistenza dovrebbero probabilmente ancora guardare ad altre opzioni specificamente progettate come caschi aerodinamici.

Controlla la vestibilità

Per ricapitolare, la versione occidentale di questo casco non era perfetta per la mia testa e quindi non è un casco che mi vedrai indossare in futuro. Con una vestibilità così polarizzante, non vedo l’ora di vedere Giant offrire le versioni asiatiche più arrotondate in più mercati. Nel frattempo, vale ancora la vecchia regola di provare prima di acquistare.

Se il coperchio si adatta, probabilmente sarai soddisfatto della copertura attenta alla sicurezza, del robusto sistema di ritenzione e della sensazione di ariosità competitiva. La vestibilità ha le sue stranezze e il peso non impressionerà, ma questo casco merita comunque attenzione tra i suoi pari di prezzo simile.

Per ulteriori informazioni, vai a giant-bicycles.com.

Galleria



Source link