Quello che c’è da sapere su Omloop Het Nieuwsblad, l’apertura della stagione femminile

Quello che c’è da sapere su Omloop Het Nieuwsblad, l’apertura della stagione femminile


È quasi qui. Il momento che tutti stavate aspettando. L’inizio della stagione 2021 femminile.

Dopo le prime notizie sulle cancellazioni di gare in Australia, la stagione 2021 avrebbe dovuto iniziare con il Dubai Women’s Tour, svoltosi dal 5 all’8 febbraio, ma mentre ci avvicinavamo al primo mese intero di gare, le notizie di annullamenti di gare sono arrivate una dopo l’altra. Tutte e tre le gare di inizio stagione dell’UCI in Spagna sono state cancellate: la Vuelta CV Feminas il 7 febbraio, seguita dalla Setmana Cyclist Valenciana, una corsa a tappe di quattro giorni, e infine la Vuelta Castellon, una 2.2 di tre giorni.

Ora, quasi un mese dopo, questo sabato 27 febbraio, le donne si schiereranno finalmente per la prima volta in questa stagione. La maggior parte delle squadre è stata in grado di organizzare ritiri, ottimi non solo per testare la reciproca forma fisica, ma anche per conoscere volti nuovi.

Poiché c’è ancora una pandemia globale che incombe sul calendario delle gare, la sensazione di “è l’ultima gara?” probabilmente continuerà, rendendo la corsa ancora più aggressiva del solito. Un’impresa difficile, poiché il ciclismo femminile è già emozionante il 98% delle volte. Un altro livello aggiunto è che le gare di un giorno prima di giugno giocano un ruolo nella selezione olimpica per alcuni del gruppo, compresi i corridori britannici e americani. Con così poche opportunità di stupire, ogni gara che porterà a quelle selezioni sarà cruciale.

La prima gara di una nuova stagione è sempre emozionante. Nessuno sa come si esibiranno i favoriti. A volte i corridori stessi non sono del tutto sicuri di come gireranno le loro gambe. È il primo assaggio della stagione a venire.

Gli ultimi due anni dell’Omloop Het Nieuwsblad sono stati vinti da soli da Annemiek van Vleuten e Chantal van den Broek-Blaak. L’anno prima era uno sprint di gruppo vinto da Christina Siggaard. Quando Lucinda Brand ha vinto nel 2017, era in un piccolo gruppo. Nel 2016, Lizzie Deignan ha vinto con meno di mezzo minuto su un gruppo ridotto. In altre parole, il risultato della gara è indovinato da chiunque. Sebbene l’Omloop Het Nieuwsblad non sia una gara WorldTour, sarà un eccitante calcio d’inizio per le donne nel 2021.

La strada

A partire da giovedì, tecnicamente non c’è ancora un percorso confermato dagli organizzatori della gara, ma il Team Movistar ha pubblicato una foto di questa possibile mappa di dove andrà la gara. La gara inizia a Gent e termina 126 km dopo a Ninove. Tra la partenza e l’arrivo i corridori potranno percorrere cinque settori di selciato e 10 salite non trascurabili. Per un po ‘di divertimento in più, tre delle salite sono anche acciottolate. Sìì.

Tutte le cose divertenti accadono dopo che i motociclisti hanno guidato per circa un’ora di strade pianeggianti. A 42 km attende il primo settore lastricato, lungo 2 km e subito seguito dalla salita del Leberg. Da lì in poi non c’è riposo, con la prima salita acciottolata, il Wolvenberg, che arriva al 57 km dall’inizio della gara.

Il tratto di pavé più lungo arriva alla fine, lungo 2,3 km e con 102 ancora da percorrere. Il tratto più interessante del percorso è dai chilometri 83 al 94 dove ci sono quattro salite consecutive: il Rekelberg, il Berendries, l’Elverenberg-Vossenhol e il Tenbosse.

Negli ultimi anni l’Omloop è stato bagnato e miserabile, ma quest’anno sembra che il tempo voglia iniziare la stagione femminile con un po ‘di sole. La previsione è di 12ºC.

Cavalieri da tenere d’occhio

Senza sapere nulla su dove si trova il gruppo in questo momento, ecco solo alcuni corridori che probabilmente saranno lassù all’Omloop Het Nieuwsblad.

Annemiek van Vleuten (Movistar)

Vincitrice dell’Omloop Het Nieuwsblad 2020, Annemiek van Vleuten correrà nell’edizione di quest’anno come sua prima gara con il kit Movistar.

Una nuova squadra significa anche nuove motivazioni e sicuramente Van Vleuten vorrà rendere la sua prima gara con nuovi compagni di squadra memorabile per gli sponsor, la gestione del team e tutti coloro che sono coinvolti.

Negli anni passati, Movistar non è stata tra le migliori squadre in queste gare primaverili, ma la loro nuova formazione include anche Emma Norsgaard e Leah Thomas, entrambi piloti che potrebbero buttarsi giù in queste prime gare.

Chantal van den Broek-Blaak (SD Worx)

Come Van Vleuten, Chantal van den Broek-Blaak si schiererà con un nuovo nome di squadra quest’anno, anche se non una nuova squadra. Come prima gara per il nuovo title sponsor della squadra, SD Worx (in precedenza Boels-Dolmans) cercherà una vittoria. Van den Broek-Blaak, avendo vinto il Giro delle Fiandre 2020 e l’edizione 2019 di Omloop Het Nieuwsblad, è una scelta solida per il leader della squadra. È stata anche seconda due volte all’Omloop, nel 2017 e nel 2016, e terza nel 2011. È brava a mirare alla fuga giusta e ad avere gambe all’arrivo.

Detto questo, la squadra si allineerà anche con Jolien d’Hoore, vincitore del Gent-Wevelgem nel 2020, e Amy Pieters, vincitrice dell’Omloop 2014. Sulla linea di partenza per SD Worx ci sarà anche la campionessa del mondo Anna van der Breggen, una forza da non sottovalutare nel 2020 e una ciclista che sta iniziando la sua ultima stagione nel gruppo. Inoltre, Van der Breggen ha vinto l’Omloop nel 2015.

Sarah Roy (BikeExchange)

La neo incoronata campionessa nazionale australiana prenderà il via come una delle poche ad avere una gara alle spalle già nel 2021. Sarah Roy è stata davvero impressionante ai campionati nazionali, vincendo il titolo dopo oltre 30 km dalla prima in solitaria . Le tattiche all’Omloop saranno completamente diverse rispetto alle Nazionali, ma la forza che ha mostrato è qualcosa che dovrebbe essere notato. Roy sta anche correndo per una squadra che sta attraversando un periodo di transizione.

Dopo aver perso Van Vleuten, il team ha ora l’opportunità di essere un po ‘più aggressivo nelle gare e dare un po’ più di leadership. Roy non sarà l’unico pilota a beneficiare di un potenziale nuovo ruolo all’interno di BikeExchange; Grace Brown è anche una da tenere d’occhio per la squadra australiana.

Lizzie Deignan (Trek-Segafredo)

Lizzie Deignan è stata una delle motocicliste più dominanti della stagione 2020. Il corridore britannico è uno di quelli del gruppo che si concentra molto sulle Olimpiadi, e con le Olimpiadi che si presume si terranno nel 2021, dopo essere state rinviate a causa del COVID-19, non sarebbe una sorpresa vedere un altro anno stellare da Deignan. Ha vinto l’Omloop nel 2016 ed è stata terza sia nel 2015 che nel 2014. Qualcosa da considerare con Deignan, tuttavia, è che le Olimpiadi sono molto lontane, così come i suoi altri obiettivi primari del 2021. Se le gare più grandi sono i suoi obiettivi, potrebbe non essere al 100% per questa prima gara.

Se Deignan non è al top della forma, Trek-Segafredo ha alcuni altri corridori in grado di vincere l’Omloop, in particolare Ellen van Dijk, seconda nel 2015 e nel 2012.

Lotte Kopecky (Liv Racing)

Sebbene Lotte Kopecky gareggi dal 2012, la stagione 2020 ha visto una vera svolta per il giovane belga. Kopecky è stato secondo in una manciata di gare di tarda primavera / autunno (a causa dei cambiamenti di calendario), piazzandosi secondo a Gent-Wevelgem e vincendo una tappa del Giro Rosa. Kopecky è stato anche terzo nel Giro delle Fiandre e AG Driedaagse Brugge-De Panne.

Con la stagione 2021 così vicina alla stagione 2020, quelle prestazioni impressionanti saranno fresche nella mente di Kopecky, sperando che porti a un aumento di fiducia che potrebbe vederla vincere più gare nel 2021. Questa sarà anche la prima gara per Kopecky con il suo nuovo squadra, Liv Racing, dopo il trasferimento dal team Lotto Soudal Ladies alla fine della scorsa stagione. Kopecky ha dimostrato lo scorso anno di poter superare la maggior parte delle salite incisive e poi è un velocista al top.

Copertura

Le corse saranno trasmesse in diretta su Flobikes in Nord America e Australia, GCN + nella maggior parte dell’Europa e Sporza in Belgio.



Source link