Primož Roglič nega Julian Alaphilippe in una spettacolare volata finale – VeloNews.com

Primož Roglič nega Julian Alaphilippe in una spettacolare volata finale – VeloNews.com


“],” filter “: {” nextExceptions “:” img, blockquote, div “,” nextContainsExceptions “:” img, blockquote “}}”>

Primož Roglič (Jumbo-Visma) ha vinto Liegi-Bastogne-Liegi nella più drammatica delle volate finali di domenica.

Roglič era entrato negli ultimi 500 metri della gara di 257 km come uno di un gruppo di cinque stellari. Neocampione del mondo Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick-Step) è scattato per primo e sembrava una vittoria assicurata, seduto per festeggiare a circa 20 metri dalla linea.

Tuttavia, mentre Alaphilippe perdeva slancio con le mani fuori dal manubrio e Roglič continuava la sua accelerazione, lo sloveno è arrivato al traguardo a pochi centimetri dal francese in una sbalorditiva inversione di fortuna.

“È incredibile, era così vicino”, ha detto Roglič in seguito. “Non ho mai smesso di crederci e non ho mai smesso di spingere negli ultimi metri. Sono super felice. “

Marc Hirschi (Sunweb) è arrivato terzo dopo aver visto il suo sprint interrotto da Alaphilippe negli ultimi cento metri.

La situazione andò presto di male in peggio per Alaphilippe. Dopo le lamentele sulla sua linea ribelle, il campione del mondo è stato retrocesso al quinto posto, lasciando Hirschi e Tadej Pogačar (UAE Team Emirates) a prendere il secondo e il terzo posto.

“Di sicuro ha preso il mio volante”, ha detto Hirschi dopo la gara. “Ma il modo in cui Alaphilippe ha scattato, ero molto vicino alla sua ruota e si è mosso un po ‘.”

La vittoria di Roglič compenserà la sua straziante sconfitta al Tour de France appena due settimane fa. Lo sloveno ha approfittato del lavoro della sua squadra per tutta la gara, con Tom Dumoulin che ha affrontato il finale con il suo leader sloveno.

“È stato un lungo periodo per me, tre mesi lontano da casa”, ha detto Roglič del suo fitto programma di gare di blocco di allenamento pre-Tour.

“Sono super felice e super orgoglioso della squadra. Finalmente sono riuscito a vincere qualcosa ”, ha continuato con un sorriso e un’alzata di spalle. “La squadra ha fatto un ottimo lavoro, mi hanno tenuto protetto tutto il tempo. Sono davvero felice di essere riuscito a vincere. Era nella mia lista dei desideri vincere un monumento. “

La gara ha preso vita sulla salita di La Redoute a 36 km dalla fine Michaël Schär (CCC Team) è stato l’ultimo uomo ad essere catturato del gruppo di nove fuggitivi che si è formato nei primi chilometri della gara.

Il Team Sunweb ha guidato il gruppo sull’iconica via con Tiesj Benoot che perforava il ritmo e Hirschi vicino al volante. L’improvviso aumento del ritmo ha visto il gruppo diradarsi rapidamente mentre Deceuninck-Quick-Step, Sunweb e Jumbo-Visma si sono mantenuti in avanti e fuori pericolo sulle strade strette e sulle discese scivolose dopo la pioggia mattutina.

Il veterano Michael Albasini (Mitchelton-Scott) ha provato a scappare dalla testa a circa 30 km dalla fine, ma è stato subito riportato indietro perché il gruppo è rimasto insieme.

Alaphilippe ha illuminato la selezione sull’ultima salita della Roche-aux-Faucons, compiendo una mossa a cui Hirschi è stato il primo a rispondere da molto lontano nel gruppo.

La mossa ha portato fuori Roglič e Pogačar, con Michal Kwiatkowski (Ineos Grenadiers) a fare un ponte e Michael Woods (EF Pro Cycling) a caccia di un solo secondo. Dietro il canadese, Mathieu van der Poel (Alpecin-Fenix) ha guidato il gruppo di circa 15 inseguitori mentre Dumoulin si è seduto al suo volante e ha rallentato l’inseguimento di Rogič.

Hirschi è stato il prossimo ad attaccare fuori dal gruppo di testa, facendo uscire Alaphilippe mentre il duo sloveno ha seguito un secondo dietro. Kwiatkowski è caduto dal gruppo di testa sotto la ferocia degli attacchi della coppia di testa.

I primi quattro di Alaphilippe, Hirschi, Roglič e Pogačar sono tornati insieme nella corsa finale pianeggiante verso il traguardo e hanno mantenuto un delicato vantaggio di 20 secondi. Il quartetto ha lavorato insieme negli ultimi minuti ed è entrato nel chilometro finale con 20 secondi di distacco sul grande gruppo di inseguitori.

Quando i quattro leader hanno iniziato a muovere il gatto e il mouse mentre lo sprint faceva cenno, Matej Mohoric (Bahrain-McLaren) ha superato il gruppo di inseguitori con una mossa speculativa. Con la velocità diminuita nei primi quattro, il corridore sloveno Mohoric è entrato in contatto e ha subito attaccato sopra la vetta a circa 500 metri dalla fine.

Alaphilippe ha riportato il gruppo al volante di Mohoric e poi ha aperto la sua volata, con Hirschi che lo seguiva a un soffio. Quando il francese ha virato verso il centro della strada, ha quasi fermato la ruota dello svizzero, facendolo sedere per un momento e quasi perdendo l’equilibrio.

Con il traguardo nel mirino, Alaphilippe si è seduto e ha alzato le braccia per festeggiare a circa 20 metri dalla fine, tuttavia, mentre rallentava, lo slancio di Roglič e un lancio finale della bici lo hanno visto tagliare per primo il traguardo.

Sebbene Alaphilippe fosse il secondo a tagliare il traguardo, ha appreso nei minuti successivi che il suo sprint era caduto in fallo dei commissari, con gli arbitri che lo hanno sbattuto in fondo al gruppo di cinque di testa.

Risultati Liège-Bastogne-Liège





Source link