Peter Sagan tornerà ai classici come parte del programma bumper 2021 – VeloNews.com

Peter Sagan tornerà ai classici come parte del programma bumper 2021 – VeloNews.com


“],” filter “: ” nextExceptions “:” img, blockquote, div “,” nextContainsExceptions “:” img, blockquote “}”>

Sarà il caso di più, meglio è Peter Sagan nel 2021.

La star slovacca sta pianificando un calendario ambizioso per questa stagione che lo vedrà puntare sulle gare da febbraio ad agosto con poco spazio per il fiato.

“Abbiamo in programma di iniziare la sua stagione con le classiche primaverili, seguite dal Giro, dal Tour e dalle Olimpiadi”, ha detto il direttore sportivo di Bora-Hansgrohe Ján Valach Pravda 100. “Questi sono i punti salienti.”

Il fitto programma vedrà Sagan tornare al Giro d’Italia dopo il suo debutto in gara lo scorso autunno. È stata una decisione scioccante che gli ha impedito di correre nelle classiche, ma lo ha anche atterrato la sua prima vittoria di tappa e tre secondi posti al gran tour italiano.

Il viaggio di Sagan in Italia è arrivato sulla scia di un Tour de France, dove si trovava migliorato da Sam Bennett nella battaglia per la maglia verde, rendendola la prima volta che aveva completato la gara senza vincere la classifica a punti.

Valach ha affermato che l’era del dominio di Sagan sulla competizione a punti è tutt’altro che finita.

“È ancora abbastanza forte per combattere di nuovo”, ha detto Valach. “Lui [Sagan] è uno dei ciclisti più veloci e può affrontare anche tappe impegnative. L’anno scorso aveva bisogno di vincere una tappa che avrebbe girato la carta … Gli è mancato anche un po ‘di fortuna “.

Il 30enne si sta dirigendo verso un ritiro di 12 giorni sul Lago di Garda, in Italia, con il resto della squadra Bora-Hansgrohe la prossima settimana. Dopodiché, Sagan si reca alle Isole Canarie insieme a una selezione dei suoi compagni di squadra mentre inizia a costruire verso il suo primo obiettivo, i classici.

La decisione di Sagan di farlo aggirare il blocco di ottobre delle gare di un giorno per adempiere a un obbligo nei confronti degli organizzatori del Giro lo scorso anno è stato uno shock visto il suo prolifico passato sull’acciottolato, che include le vittorie al Giro delle Fiandre e alla Parigi-Roubaix. Valach ha indicato che i classici potrebbero diventare un focus crescente per Sagan nei prossimi anni.

“Vedo lo spazio per lui, soprattutto nei classici”, ha detto il regista slovacco. “È l’età ideale per loro. Peter ha ancora una prestazione alta e se teniamo conto dell’esperienza necessaria che può applicare in loro, può avere successo, forse anche sulla quarantina. Questo sarà il suo obiettivo principale nelle prossime stagioni “.

Nonostante sette top-10 al Tour, una tappa al Giro e il quarto posto a Milano Sanremo, alcuni hanno considerato la perdita di Sagan del suo feroce controllo sulla maglia verde – che ha vinto sette volte – il segno di un sub-par stagione. Valach ha suggerito che, come molti piloti più anziani, Sagan non si è adattato bene al blocco COVID e alla frenetica stagione di gare che è seguita l’anno scorso.

“È stato un serio cambiamento nel programma tradizionale”, ha detto Valach. “Penso che abbia fatto bene. Ha lottato per la maglia verde ogni giorno nel Tour, ha continuato con questo stile anche al Giro. Gli mancava un inizio migliore prima di questi eventi, negli ultimi anni aveva un programma più ricco prima del Tour. Peter è il tipo di pilota che sopporta più carichi, ne trae vantaggio, non lo stanca e migliora sempre di più “.

“E ‘un combattente e può ancora rivendicare vittorie”, ha detto Valach del suo pilota di punta.

Sagan avrà molte opportunità per rivendicare la vittoria se il suo 2021 procederà come previsto.



Source link