“Nessun obbligo di quarantena” rende possibile partecipare sia al Tour de France che alle Olimpiadi di Tokyo

“Nessun obbligo di quarantena” rende possibile partecipare sia al Tour de France che alle Olimpiadi di Tokyo


Il Olimpiadi di Tokyo non richiederà agli atleti di mettere in quarantena prima di gareggiare, il che significa che i ciclisti saranno in grado di prendere di mira entrambi Tour de France e i Giochi di questa estate.

I rapporti dei media belgi e olandesi la scorsa settimana suggerivano che sarebbe stata introdotta una quarantena per gli atleti a Tokyo, presumibilmente facendo crollare le possibilità di quei corridori che desideravano mirare sia alla gloria del Tour de France che alle medaglie d’oro in Giappone.

Giornale belga Het Nieuwsblad ha riferito che tutti gli atleti che desiderano partecipare ai Giochi Olimpici del 2021 dovrebbero essere messi in quarantena per due settimane prima di gareggiare, e con gli eventi stradali che si svolgono all’inizio della prima settimana tra il 24 e il 28 luglio, questo sarebbe arrivato troppo presto dopo la fine del Tour de France 2021 domenica 18 luglio.

Tuttavia, quando outlet italiano Tuttobici quindi ha chiesto agli organizzatori di Tokyo 2020 di essere indirizzato a una dichiarazione rilasciata a novembre dal CEO di Tokyo 2020 Toshiro Muto in cui si afferma che gli atleti non sarebbero tenuti a mettersi in quarantena per competere.

>>> Mathieu van der Poel continua a dominare la stagione di ciclocross con l’ottava vittoria in 11 gare

Al contrario, saranno applicate regole severe nel villaggio olimpico e nelle aree di allenamento. Si dice che i piani includano atleti a cui non è consentito arrivare a Tokyo più di cinque giorni prima del loro evento e di partire entro 48 ore dal termine, al fine di ridurre il numero di persone presenti.

Mathieu van der Poel da tempo punta alla medaglia d’oro in mountain bike, in programma per il 26 luglio, e ha deciso di andare all-in con questo evento decidendo di evitare la corsa su strada, che si svolge due giorni prima.

Il 25enne olandese combinerà questo obiettivo con il suo debutto al Tour de France, raccontando Sporza “Penso di dover partecipare al Tour agli sponsor”.

Nella corsa su strada, un percorso per scalatori offrirà a molte delle stelle dello sport la possibilità di sostituire Greg Van Avermaet come campione olimpico del gruppo.

Marc Hirschi ha dichiarato la sua intenzione di prendere l’oro, così come altri tra cui Simon Yates e l’ex campione del mondo Alejandro Valverde.



Source link