L’UCI condanna gli abusi razzisti contro Bouhanni

L’UCI condanna gli abusi razzisti contro Bouhanni


Nacer Bouhanni alla Parigi-Nizza nel 2020.

L’UCI ha condannato gli abusi razzisti diretto a Nacer Bouhanni (Arkéa-Samsic) dopo la retrocessione di Bouhanni dal Cholet-Pays de la Loire. Mercoledì l’organo di governo ha pubblicato una dichiarazione sulla denuncia degli abusi, mentre lo stesso Bouhanni ha deciso di non fare un inizio programmato a Scheldeprijs.

“L’Union Cycliste Internationale (UCI) desidera condannare fermamente gli attacchi razzisti rivolti al pilota francese Nacer Bouhanni sui social media a seguito della sua squalifica per comportamento pericoloso durante lo sprint finale al Cholet-Pays de la Loire”, si legge a dichiarazione dall’UCI.

“Per quanto grave sia la colpa del corridore francese – che ha costretto l’UCI a deferire l’accaduto alla sua Commissione Disciplinare e chiedere l’irrogazione di sanzioni nei suoi confronti -, nulla giustifica gli insulti a cui è stato sottoposto nei giorni successivi all’atto di accusa. di.”

Bouhanni lo era retrocesso dopo aver spinto Jake Stewart contro le barriere nello sprint finale a Cholet-Pays de la Loire il 28 marzo. L’UCI ha poi dichiarato di aver deferito l’incidente alla sua commissione disciplinare.

Lunedì 5 aprile, Bouhanni ha pubblicato screenshot sulla sua storia su Instagram che mostravano alcuni dei messaggi e dei post razzisti che gli sono stati rivolti dopo l’incidente. Ha anche pubblicato un suo messaggio, dicendo: “questa volta non lo lascerò più andare” e affermando che avrebbe presentato un rapporto alla polizia.

Molti dei suoi compagni di squadra e altri intorno al gruppo, compreso Stewart, da allora hanno pubblicamente condannato gli abusi razzisti che sono stati rivolti a Bouhanni.

Il 30enne francese avrebbe dovuto prendere il via Scheldeprijs questa settimana, ma mercoledì non si è schierato per l’inizio. La sua squadra Arkéa-Samsic ha detto che “dopo i recenti eventi”, Bouhanni “non era in piena capacità di prendere il via” nella giornata belga.



Source link