La settima tappa batte il record per la tappa del Giro d’Italia più veloce di sempre

La settima tappa batte il record per la tappa del Giro d’Italia più veloce di sempre


La settima tappa ha battuto il record per la tappa del Giro d’Italia più veloce di sempre.

La velocità media della tappa, vinta da Arnaud Démare (Groupama-FDJ), è stata di 51,234 km / h, battendo il record precedente di poco meno di 2 km / h.

Il vecchio record di 49,439 km / h era rimasto in piedi per otto anni, essendo stato stabilito da Andrea Guardini nella tappa 18 da San Vito Cadore a Veledago nel 2012, quel giorno in discesa per la maggior parte dei 149 km, con Mark Cavendish che è arrivato secondo anche al palcoscenico.

Il tecnico del Giro d’Italia stava chiaramente facendo gli straordinari, poiché gli organizzatori della gara hanno anche sottolineato in un comunicato stampa che un’altra vittoria di tappa porterebbe Démare al livello del corridore francese che ha vinto il maggior numero di tappe del Giro in un’edizione, Bernard Hinault, se avesse aggiungere un quarto al suo trio durante la settimana di apertura.

>>> Giovanni Visconti “fortunato ad arrivare al traguardo con le gambe” dopo il bizzarro incidente con la scarpa nella sesta tappa del Giro d’Italia

Infatti, con l’Italia e la Francia che si sono equamente divise in sei delle prime sette tappe, realizzano un’impresa che non è mai accaduta prima nel Grand Tour italiano.

Quando la bandiera è calata nella settima tappa, Deceuninck – Quick-Step e Jumbo-Visma hanno rilevato venti trasversali e hanno forzato il ritmo, facendo cadere un numero di rivali in classifica generale, che hanno impiegato quasi 40 km per risalire e solo allora il ritmo ha iniziato ad allentarsi.

“Che tappa veloce. C’erano molti scaglioni creati dal vento, ma fortunatamente ho una squadra forte ed esperta per queste situazioni “, ha detto il leader della corsa João Almeida (Deceuninck – Quick-Step) dopo il traguardo.

“La parte finale della tappa è stata ancora più veloce, ho provato a guidare davanti per non correre rischi. Ha dato i suoi frutti. “

I potenziali attaccanti sono stati tenuti a freno mentre il gruppo si è precipitato al traguardo, con Démare ancora una volta che ha superato i suoi rivali per rivendicare la sua seconda vittoria di tappa in altrettanti giorni. Se il francese riuscisse a superare la salita di categoria due a metà dell’ottava tappa, potrebbe essere alla tripletta.

L’anno scorso, sul palco 17 della Vuelta a España, una novità Ruban Jaune record è stato stabilito dal vincitore di tappa Philippe Gilbert per la velocità media più veloce in una gara ciclistica professionale su 200 km.

La velocità media era di 50,63 km / h, un ritmo tale che la copertura televisiva doveva essere anticipata di mezz’ora per assicurarsi che gli spettatori potessero effettivamente vedere parte dell’azione prima della sua fine.



Source link