Il sindaco di Nizza chiede che la tappa finale della Parigi-Nizza venga trasferita per aprire la passeggiata ai cittadini

Il sindaco di Nizza chiede che la tappa finale della Parigi-Nizza venga trasferita per aprire la passeggiata ai cittadini


Il gruppo corre lungo la Promenade des Anglais nella tappa di apertura del Tour de France 2020.

In una serie di tweet, il sindaco di Nizza Christian Estrosi ha chiesto che la tappa finale della Parigi-Nizza, prevista per domenica 14 marzo, venga trasferita dalla Promenade des Anglais.

“Questa sera ho convocato il Consiglio Scientifico che mi accompagna dall’inizio di questa crisi per fare il punto sulla decisione del governo, annunciata a metà giornata, di prolungare la reclusione di un fine settimana”. Ha scritto Estrosi su Twitter. Il tweet finale del thread letto; “Per maggiore coerenza, chiedo anche l’annullamento dell’arrivo della Parigi-Nizza come da programma”.

Al momento Nizza è sotto stretta sorveglianza durante il fine settimana, così come il coprifuoco dalle 18:00 alle 6:00. Estrosi ha detto che vorrebbe permettere ai cittadini di Nizza di uscire per tre ore nei fine settimana, soprattutto per l’attività fisica. Attualmente, il limite di tempo per uscire di casa è di un’ora. La richiesta prevede anche l’apertura del lungomare a pedoni e ciclisti, che si scontrerebbero con l’arrivo o la Parigi-Nizza.

La tappa finale della Parigi-Nizza inizierà lungo il percorso della seconda tappa del Tour de France 2020 con lo stesso traguardo in cui Julian Alaphillipe ha vinto all’inizio del Tour l’anno scorso. Gli organizzatori della Parigi-Nizza hanno già in programma un arrivo alternativo, dopo essere stati costretti a cancellare l’ultima tappa a Nizza nel 2020, prima del blocco del COVID-19 in tutta Europa.

Prudhomme ha dichiarato a Het Nieuwsblad: “Siamo molto fiduciosi di raggiungere la Costa Azzurra questa volta a Parigi-Nizza. Il [COVID-19] figure nelle Alpi Marittime si stanno muovendo nella giusta direzione. Restiamo calmi al riguardo. Se risulta diverso, ci adatteremo “.





Source link