I migliori marchi di abbigliamento ciclismo eco-consapevole

I migliori marchi di abbigliamento ciclismo eco-consapevole


L’impatto che stiamo avendo sul pianeta sta diventando sempre più nitido e sempre più di noi stanno esaminando a lungo e con attenzione il modo in cui consumiamo e smaltiamo i prodotti.

I marchi di abbigliamento da ciclismo, come in molti altri sport, stanno iniziando a valutare il modo in cui fabbricano e consegnano i loro prodotti e, di conseguenza, alcuni stanno apportando grandi cambiamenti.

L’industria dell’abbigliamento è rinomata per il suo enorme contributo alle emissioni globali di carbonio, grazie soprattutto al numero di capi creati e alla piccola quantità riciclata. Anche gli indumenti che perdono le microfibre nella lavatrice sono un problema crescente, poiché queste microfibre entrano nel ciclo dell’acqua e, a loro volta, nella catena alimentare, dal più piccolo plancton agli esseri umani in cima alla catena.

Dall’utilizzo di materiali riciclati alla garanzia che non ci sia plastica nella confezione o all’offerta di riparazioni gratuite per tutta la vita dell’indumento, ora ci sono un numero crescente di modi per acquistare abbigliamento da ciclismo senza lasciare un’impronta enorme sul pianeta.

Numerosi marchi stanno introducendo metodi rivoluzionari nella produzione e distribuzione dei loro indumenti da ciclismo; ecco alcuni dei leader del settore che stanno aprendo la strada all’abbigliamento ecologico.

>>> Andare in bicicletta fa bene all’ambiente, ma dobbiamo cambiare le nostre crescenti esigenze alimentari?

Presca

migliori marchi di abbigliamento ciclismo eco-consapevole

Formato nel 2013 dall’atleta Ironman Rob Webbon che era alla ricerca di abbigliamento più sostenibile per allenarsi e ha scoperto che il mercato era un po ‘carente, marchio britannico Presca è stata all’avanguardia in metodi di produzione ecocompatibili innovativi sin dal suo lancio.

I suoi produttori utilizzano energia rinnovabile al 100% e hanno sede nel Regno Unito o in Europa per ridurre le miglia di viaggio. I tessuti scelti per l’abbigliamento, come la maglia del Grand Tour, sono realizzati con tessuti sintetici riciclati, in particolare poliestere riciclato da bottiglie di plastica e nylon riciclato da reti da pesca e tappeti. Il sito web mostra anche cosa risparmia ogni articolo in termini di giorni di acqua potabile risparmiata e quante bottiglie sono state utilizzate per produrlo.

Gli indumenti sono disponibili in confezioni per la maggior parte compostabili in casa e stanno introducendo uno schema in base al quale è possibile restituire loro qualsiasi indumento alla fine della sua vita e verrà riciclato in nuovi indumenti.

Isadore

marchi di ciclismo ecocompatibili

Lanciato da ex professionisti e gemelli slovacchi Martin e Peter Velits, Isadore produce una linea di abbigliamento Alternative Choice che comprende maglie, salopette, giacche e baselayer, tutti realizzati con materiali riciclabili.

Le maglie sono create utilizzando bottiglie di plastica (30 vanno in ciascuna), e il camoscio della salopette è realizzato con materiali riciclati, mentre il resto dei pantaloncini è realizzato con lycra italiana riciclata. Tutti gli indumenti sono realizzati localmente nel luogo in cui i fratelli Veltis hanno sede in Slovacchia per ridurre le miglia aeree.

L’imballaggio è ridotto al minimo per evitare di avere un impatto sul pianeta, senza cartellini, e offrono anche un “ servizio di riparazione in caso di usura e rottura ” per tutti i loro prodotti: fai un buco nei pantaloncini e loro lo ripareranno gratuitamente.

>>> Lo sgrassatore per bici può mai essere ecologico?

Futurum

marchi di ciclismo ecocompatibili

Marchio olandese Futurum è stato lanciato nel 2012 dal ciclista Harmen van der Muelen con l’obiettivo di creare un’azienda di abbigliamento sostenibile che non ti rompesse il portafoglio.

Per raggiungere questo obiettivo, Futurum si concentra su schemi come l’utilizzo di plastica nella confezione: il kit viene consegnato a casa tua in tubi di cartone e ha risparmiato più di 100.000 pezzi di plastica prodotti da quando ha introdotto lo schema nel 2016. Il kit è anche prodotto vicino alla sua casa olandese in Italia e Portogallo, con parti per gli occhiali da sole realizzate a soli 35 km dalla sede.

La lana merino è la chiave di molti prodotti Futurum, in particolare gli strati di base. Il 98% di merino significa che la lana naturale si decompone naturalmente alla fine della vita del prodotto.

>>> Outdoor Provisions lancia barrette energetiche naturali ecocompatibili

Matchy

marchi di ciclismo ecocompatibili

Un’altra azienda che utilizza bottiglie di plastica riciclate nelle sue maglie, marchio francese Matchy, con sede ad Annecy, realizza con orgoglio le sue magliette da ciclismo con materiali riciclati al 100% e non utilizza plastica nella confezione.

La sua intera gamma di jersey, che mescola design francesi e britannici e motivi eleganti, è realizzata con materiali riciclati al 100% – con la maglia Repreve si ottiene da sole sei bottiglie – gilet riciclati al 65% e nel 2021 lancerà una salopette completamente riciclata.

Essiccato al sole

marchi di ciclismo ecologici

Il marchio di abbigliamento sportivo si definisce un’azienda “etica”, quindi sostiene le cause ambientali, riduce al minimo i danni ambientali e utilizza materiali organici e riciclati.

La sua linea di abbigliamento EcoTech è prodotta utilizzando filati di poliammide biodegradabile, con tessuto ottenuto da fondi di caffè. L’uso dei fondi di caffè nell’abbigliamento è in aumento: prendere un prodotto di scarto destinato alla discarica e riciclarlo in un tessuto tecnico è senza dubbio una via da seguire per l’abbigliamento sportivo. Il tessuto è traspirante, previene gli odori e si asciuga 200 volte più velocemente del cotone.

Nel 2021, lanceranno una collezione completa di cicli riciclati utilizzando un mix di bottiglie riciclate e fondi di caffè.

>>> Movistar si unisce alla corsa per diventare una squadra di ciclismo sostenibile e verde

Howies

marchi di ciclismo ecologici

Il gallese marchio all’aperto è sempre stata orgogliosa di essere lungimirante quando si tratta di ambiente. Quando è stata fondata a metà degli anni ’90, l’obiettivo dell’azienda era creare abbigliamento sportivo sostenibile utilizzando prodotti organici o riciclati ove possibile.

Da allora ha segnato traguardi dopo traguardi, come diventare 100% esente da PET / PFC nel 2016 e aprire la strada con prodotti in lana merino nel 2001.

Dona anche profitti in beneficenza: lo scorso Black Friday ha donato l’1% delle vendite a Size Of Wales, un ente di beneficenza che pianta alberi in Africa, e ha prodotto magliette per aiutare a raccogliere fondi per campagne specifiche, come Surfers Against Sewage. Riduce al minimo la sua impronta di carbonio dove possibile utilizzando navi anziché aerei per trasportare materiali e spedire indumenti in plastica riciclabile

La gamma di baselayer Merino merita una visita per i ciclisti gravel e MTB: realizzata al 100% in lana merino, la fibra completamente naturale si decomporrà naturalmente alla fine della vita del capo.

Dio del sole

marchi di ciclismo ecocompatibili

Quanto può essere eco-consapevole un paio di occhiali da sole? Bene, marchio britannico SunDog sta facendo il possibile per dimostrare che possono essere super sostenibili. Compensa la spedizione, utilizza cartone riciclato nella confezione e le buste in microfibra degli occhiali sono realizzate con plastica riciclata.

Ma la cosa più impressionante è che con questi occhiali da sole è necessario acquistarli solo una volta. L’azienda offre una garanzia a vita, quindi se li rompi, SunGod li riparerà gratuitamente per tutta la vita del prodotto.

>>> Il kit Santini 2020 di Trek-Segafredo è realizzato con materiale riciclato ecologico

Patagonia

marchi di ciclismo ecologici

(Foto di Robert Alexander / Getty Images)

Notoriamente leader nel settore in campagne eco-consapevoli strappando il modo in cui produceva e confezionava vestiti, Il marchio di Yvon Chouinard è costantemente innovare e creare consapevolezza ambientale. Tra le sue numerose novità mondiali, l’ultima prevede l’imposizione di una “tassa sulla terra” dell’1%, che dona a organizzazioni non profit ambientali.

Il suo servizio Worn Wear ripara e ripara qualsiasi attrezzatura Patagonia per tutta la sua vita, riducendo il consumismo e i clienti che acquistano nuovi kit. C’è anche la possibilità di riciclare qualsiasi prodotto Patagonia quando raggiunge la fine del suo ciclo di vita.

I prodotti sono realizzati con una gamma di materiali riciclati, tra cui nylon riciclato per ridurre l’uso di petrolio e poliestere riciclato in plastica, e ha una vasta gamma di abbigliamento gravel o MTB.

>>> 27.000 bottiglie, 12.500 gel e 1.288 tonnellate di CO2: il costo ambientale di un team WorldTour

Le Col

abbigliamento ciclismo ecologico

Yanto Barker marca di vestiti recentemente è entrato nel mercato dell’abbigliamento riciclato con la sua maglia Recycled Pro Air e i pantaloncini con bretelle Recycled Pro. Entrambi gli articoli sono realizzati con plastica marina riciclata pur mantenendo i livelli premium di comfort dell’azienda e una ritenzione di calore minima.

Il nylon riciclato è sottoposto a un processo meccanico che riduce le emissioni di CO2 del 53%, ed è una direzione su cui il marchio ha segnalato che si concentreranno maggiormente in futuro.



Source link