Hagens Berman Axeon correrà nel 2021 nonostante la mancanza di budget – VeloNews.com

Hagens Berman Axeon correrà nel 2021 nonostante la mancanza di budget – VeloNews.com


“],” filter “: ” nextExceptions “:” img, blockquote, div “,” nextContainsExceptions “:” img, blockquote “}”>

Axel Merckx, il manager pionieristico del team centrale U-23 Hagens Berman Axeon, ha confermato di essere ancora alla ricerca di € 300.000 ($ 356.000) per portare la sua squadra attraverso la stagione 2021.

Nonostante l’attuale carenza di budget, Merckx ha confermato che la squadra inizierà la stagione 2021 mentre la ricerca di sponsor continua.

“Stiamo per iniziare. Abbiamo inviato il nostro file all’UCI. Cercheremo di sopravvivere per almeno sei mesi in modo da poter offrire qualcosa ai piloti “, ha detto Merckx. “Ricordo che Patrick Lefevere (il manager del team Deceuninck-Quick-Step) diceva che a volte è più difficile trovare 300.000 € che 3 milioni”.

Da quando si è ritirato da professionista, figlio del mitico Eddy Merckx ha dedicato le sue energie allo sviluppo di talenti emergenti. Il suo team ha prodotto alcuni dei migliori professionisti del mondo oggi, tra cui Neilson Powless, Jasper Philipsen, João Almeidae recente vincitore del Giro d’Italia Tao Geoghegan Hart.

Eppure, nonostante lo straordinario successo della squadra, garantire la sponsorizzazione rimane una lotta, specialmente durante la crisi del coronavirus.

“Non c’è molto di nuovo”, ha detto al quotidiano belga La Dernière Heure. “Ho ricevuto tanti complimenti dopo il Giro (dove Almeida ha indossato la maglia rosa per 15 giorni, e Geoghegan Hart ha vinto l’assoluta), e anche alla Vuelta, dove erano attivi molti dei miei vecchi corridori. Ma per il momento non c’è niente di concreto. “

Il futuro della squadra è stato messo in dubbio all’inizio di questa stagione quando uno dei principali sostenitori della squadra ha dichiarato che non sarebbe continuato oltre il 2020.

“Penso che l’ambiente delle elezioni negli Stati Uniti abbia rallentato i potenziali investitori”, ha detto. “Quello che mi ha sorpreso di più è che non ho avuto molti contatti con gli sponsor europei anche se abbiamo molta presenza lì. E poi c’è l’assenza di reazione dal mondo del ciclismo che sorprende anche me. Con tutto quello che sta succedendo, mi sembra che sia il momento di fare pubblicità. Le biciclette sono esaurite ovunque “.



Source link