‘Grazie a tutti dal profondo del cuore’: i piloti professionisti reagiscono mentre la stagione 2020 strana e imprevedibile volge al termine

‘Grazie a tutti dal profondo del cuore’: i piloti professionisti reagiscono mentre la stagione 2020 strana e imprevedibile volge al termine


La stagione ciclistica 2020 si è conclusa in Spagna lo scorso fine settimana contro ogni previsione.

Quando la corsa è stata sospesa a marzo a causa del pandemia globale di coronavirus, sembrava che il ciclismo professionistico potesse cessare del tutto per il resto dell’anno, poiché le gare più importanti sono state posticipate e i ciclisti sono stati bloccati in tutto il mondo.

Ma grazie al lavoro instancabile degli organizzatori delle gare, dei piloti, dei team e dei tifosi, la stagione è ricominciata ad agosto.

Mentre l’incertezza, le cancellazioni e i test positivi sul coronavirus sono continuati, le gare più importanti sono andate avanti ei fan hanno potuto godersi le corse di livello mondiale, da Strade Bianche, il Tour de France, il Giro Rosa, al Vuelta a España e la Ceratizit Challenge.

Poiché la stagione si è chiusa domenica a Madrid (8 ottobre), anche se molto più tardi del solito, i piloti hanno condiviso le loro reazioni a un 2020 impegnativo e incerto.

Giro d’Italia il vincitore Tao Geoghegan Hart, ora tornato a casa a Londra, ha dichiarato: “Congratulazioni a tutti nel ciclismo per quello che abbiamo raggiunto collettivamente nel 2020. Alti, bassi e tutto il resto, siamo riusciti a fare così tanto negli ultimi tre mesi. Grazie a tutti i ns Ineos Grenadiers personale, molti dei quali hanno visto a malapena le loro famiglie, per il loro incredibile lavoro

Spero davvero che le gare che abbiamo fatto garantiscano a tutti i team possibili di continuare fino al 2021 e al maggior numero di piloti possibile. La scorsa settimana a Londra mi sono reso conto di quanto la corsa abbia reso felici molte persone e della distrazione / speranza che lo sport può offrire da questo anno difficile “.

Ha aggiunto: “Inoltre dovrei aggiungere un enorme grazie a tutti i fan per il vostro supporto! Ci sei mancato per strada, ma i social media sono stati fantastici. ”

Matteo Trentin del CCC Team ha anche ringraziato le persone coinvolte, dicendo: “Prova che possiamo fare il nostro lavoro (correre con le nostre moto) in modo sicuro in questo momento difficile.

“Non sarà facile anche il prossimo anno, ma abbiamo dimostrato che è possibile”.



Marta Bastianelli (Alé BTC Ljubljana) ha dichiarato: “Purtroppo non possiamo dire che sia stata una stagione normale o semplice e non è stata nemmeno una stagione all’altezza dei nostri obiettivi e dei nostri sogni.

“Oggi un terzo posto alla Vuelta ci ha fatto sorridere un po ‘, ma sappiamo che non è esattamente quello che ci meritiamo. Penso che verranno tempi migliori.

“Grazie al mio gruppo sportivo, grazie alla mia famiglia per aver condiviso con me le loro gioie e dolori, e infine grazie a tutti voi veri sostenitori per continuare ad essere una parte importante di questo viaggio.”

John Degenkolb di Lotto-Soudal ha dichiarato: “Vorrei davvero ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questa stagione speciale. tutti coloro che mettono la propria creatività, forza lavoro e conoscenza nelle gare, lo staff del team, gli sponsor, il promotore della gara, le mani che sono necessarie per garantire ogni singola gara. Vi ringrazio tutti dal profondo del cuore. senza di te non potremmo vivere i nostri sogni e finire la stagione e assicurarci il nostro amato sport “.

La pandemia globale ha colpito anche coloro al di fuori del gruppo che lavorano nel ciclismo, con emittenti, giornalisti e personale della squadra che hanno dovuto affrontare un futuro incerto quando le gare sono state annullate.

>>> Guarda Chris Froome dare il numero di gara autografato al giovane professionista che completa il suo primo Grand Tour

Visualizza questo post su Instagram

Il microfono più piccolo e minuscolo. Tre grandi tour del 2020, fatti. Non è passato molto tempo da quando ero assolutamente certo che mi sarei perso quest’anno di ciclismo. Il mio lavoro è ospitare i Grand Tours per @eurosport UK, ma con le restrizioni di quarantena che interessano i Paesi Bassi, non potevo viaggiare per fare quel lavoro. Eppure, il team ha fatto tutto il possibile per tenermi coinvolto e per permettermi di aggiungere il mio tocco giornalistico alla copertura. Sono così profondamente grato per il loro sostegno in un anno così difficile e per la possibilità di svolgere una piccola parte in quella che è stata, per me, la stagione più eccitante dell’ultimo decennio. Anche lavorare con il team di @globalcyclingnetwork per la prima volta è stata una gioia. Voglio solo dire un enorme ringraziamento a tutte le squadre, piloti e capi per aver sopportato il mio tormento quotidiano per un’intervista, per aver condiviso il loro tempo e i loro pensieri così liberamente e per aver portato i fan nelle storie dietro questo bellissimo sport. Grazie a @eurosportnl per avermi permesso di accovacciarmi nei loro studi nelle ultime 10 settimane e per avermi dato un’istruzione in pasticceria olandese. Un enorme ringraziamento a @essentielantwerp e @replaynetherlands per avermi permesso di prendere in prestito dalle loro bellissime collezioni. E grazie a tutti coloro che si sono sintonizzati per il giro sulle montagne russe più incredibile a cui ho assistito durante il mio tempo in questo sport. @studiostroop @spicepr Mi mancheranno gli aggiustamenti quotidiani più di quanto posso dire. ECCO LE MUTHAFLUFFAS DELLA STAGIONE 2021!

Un post condiviso da Orla Chennaoui (@sportsorla) su

L’emittente Orla Chennaoui ha dichiarato: “Non è passato molto tempo da quando ero assolutamente certo che avrei dovuto perdere quest’anno di ciclismo. Il mio lavoro è ospitare i Grand Tour per Eurosport UK, ma con le restrizioni di quarantena che interessano i Paesi Bassi, non potevo viaggiare per fare quel lavoro. Eppure, il team ha fatto tutto il possibile per tenermi coinvolto e per permettermi di aggiungere il mio tocco giornalistico alla copertura. Sono così profondamente grato per il loro sostegno in un anno così difficile e per la possibilità di svolgere una piccola parte in quella che è stata, per me, la stagione più emozionante dell’ultimo decennio “.





Source link