Geraint Thomas sta “meglio del previsto” mentre resta nella top 10 della classifica generale della Tirreno-Adriatico

Geraint Thomas sta “meglio del previsto” mentre resta nella top 10 della classifica generale della Tirreno-Adriatico


Nonostante abbia perso tempo dopo essere stato sorpreso da una caduta nella terza tappa e alla fine preso le distanze dopo aver speso le sue energie nell’offensiva sulle piste fino al traguardo in vetta della quarta tappa, Geraint Thomas è felice di dove si trova in Tirreno-Adriatico mentre lavora Tour de France quest’estate.

“Sto meglio di quanto mi aspettassi [I would be] qui “, ha detto il pilota di Ineos Grenadiers dopo la tappa, essendo arrivato un minuto dietro il nuovo leader della corsa Tadej Pogačar (UAE Team Emirates) e ora seduto 1-25 al 10 ° posto nella classifica generale.

“A gennaio stavo solo girando per Gran Canaria, ricevendo le ore, non troppa intensità, quindi sono già andato avanti molto nell’ultimo mese ed è bello essere nel mix e correre in modo un po ‘diverso . “

Dopo che Bernal aveva provato a saltare dall’anteriore nei chilometri finali, il gallese ha colpito, saltando poi sul volante di Pogačar per qualche minuto prima dello sloveno in solitaria verso la vittoria.

>>> ‘Fino a quando non sarà chiarito, tutti i soggetti coinvolti non dovrebbero essere vicini allo sport’: MP chiede a Ineos di sospendere Dave Brailsford

“Non volevo tirare davanti, pensavo che Egan fosse meglio oggi, quindi ho pensato che invece di tirare davanti avrei attaccato e avrei fatto inseguire Van Aert o chiunque altro. Purtroppo Egan non aveva le gambe, ma per me sono contento di dove sono, sulla buona strada per luglio.

“Il bonus stava finendo in tempo per la seconda metà della partita di rugby del Galles.”

È stata una buona giornata in Italia per la Gran Bretagna, tuttavia, poiché a casa lo sport si muove dal Verdetto di colpevolezza del dottor Richard Freeman, con Simon Yates (BikeExchange) che è arrivato secondo sul palco, incapace di chiudere Pogačar nonostante i suoi migliori sforzi.

Nel frattempo, Simon Carr di EF Education-Nippo continua a stupire, finendo ottavo sul palco e risalendo allo stesso posto nella classifica generale, a solo un minuto da Pogačar.



Source link