Elinor Barker: campionessa olimpica che spera nella folla ai Giochi di Tokyo

Elinor Barker: campionessa olimpica che spera nella folla ai Giochi di Tokyo


Elinor Barker spera che gli spettatori possano assistere ai Giochi Olimpici di Tokyo dopo la notizia di un vaccino contro il coronavirus “pietra miliare”.

Il ciclista su pista campione olimpico 2016 afferma che gareggiare davanti alla folla nel 2021 sarebbe lo scenario perfetto.

I Giochi del 2020 sono stati rinviati al 23 luglio-8 agosto 2021 a causa della pandemia mondiale di coronavirus.

“La presenza di spettatori è in gran parte l’essenza delle Olimpiadi per noi”, ha detto a BBC Sport Wales Barker, 26 anni.

“Essere sul palco più grande del mondo non sarebbe davvero lo stesso se gareggiassimo in stadi vuoti.

“Sarebbe davvero bizzarro, quindi incrociare le dita questo vaccino salverà le Olimpiadi del prossimo anno in una certa misura”.

Il vaccino è stato sviluppato dalle società farmaceutiche Pfizer e BioNTech ed è uno degli 11 vaccini attualmente nelle fasi finali del test.

Le aziende ora prevedono di richiedere l’approvazione di emergenza per utilizzare il vaccino e un numero limitato di persone potrebbe ottenere il vaccino entro la fine dell’anno.

A luglio, l’amministratore delegato di Tokyo 2020 Toshiro Muto ha affermato che un vaccino non era un prerequisito per i Giochi, anche se gli esperti di salute avevano messo in dubbio che la vetrina sportiva globale potesse svolgersi senza un vaccino.

Il sig. Muto ha anche affermato che è possibile che i Giochi si tengano a un pubblico “limitato”, ma gli organizzatori hanno voluto evitare la possibilità di non avere spettatori.

Barker ritiene che un’Olimpiade senza spettatori, sebbene tutt’altro che ideale per gli atleti, sarebbe meglio che rinunciare del tutto ai Giochi.

“Considerato l’anno che abbiamo avuto tutti e l’annullamento dei Giochi quest’anno, penso che ogni singolo atleta vorrebbe gareggiare in uno stadio vuoto rispetto al dover aspettare un altro anno o saltare completamente i Giochi”, ha detto.

Il ciclista gallese è tornato in azione questa settimana per la prima volta da quando è stato incoronato campione del mondo a punti ai Campionati mondiali di ciclismo su pista a Berlino a marzo.

L’ultima gara prima di Tokyo?

Gareggerà per la Gran Bretagna nella madison e nell’inseguimento a squadre ai Campionati Europei su pista, che si svolgeranno dall’11 al 15 novembre a Plovdiv, in Bulgaria.

Barker farà coppia con Laura Kenny nella madison mentre gareggerà al fianco di Kenny, Katie Archibald e Neah Evans nell’inseguimento a squadre.

La squadra britannica ha vinto l’oro nell’inseguimento a squadre a Londra 2012 e Rio 2016 e sarà nuovamente favorita per la vittoria a Tokyo il prossimo anno.

“Poiché non sappiamo davvero cosa succederà da adesso a Tokyo, stiamo quasi trattando questa cosa come se fosse l’unica gara che potremmo fare perché potrebbe benissimo essere”, ha detto Barker.

“Speriamo davvero che non lo sia, ma potrebbe essere così usciremo e daremo il massimo, ma cercheremo anche di imparare il più possibile dall’esperienza perché potrebbe essere l’unica gara che otteniamo . “

Barker correrà nell’inseguimento a squadre mercoledì e giovedì prima di rivolgere la sua attenzione alla madison con Kenny domenica.

“Sono particolarmente eccitato per la madison perché anche se non siamo stati in grado di correre, siamo riusciti a cambiare un po ‘il nostro allenamento per replicare le corse il più possibile”, ha detto Barker.

“Abbiamo avuto delle sessioni davvero divertenti nelle ultime settimane, quindi non vedo l’ora che arrivi domenica”.



Source link