Dopo la battuta d’arresto di COVID, Sagan cercherà la forma classica in Catalunya

Dopo la battuta d’arresto di COVID, Sagan cercherà la forma classica in Catalunya


Peter Sagan alla Tirreno-Adriatico.

Peter Sagan, che ha appena terminato la Tirreno-Adriatico, salterà l’E3 Saxo Bank Classic e Gent-Wevelgem e correrà invece con la Volta a Catalunya mentre cerca di costruire verso i suoi obiettivi principali per la stagione delle Classiche: il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix.

La Volta a Catalunya ha annunciato lunedì che Sagan avrebbe fatto il suo debutto alla gara alla fine di questo mese, e Bora-Hansgrohe ha confermato a CyclingTips che la squadra ha visto cavalcare un’altra gara a tappe come migliore preparazione per le Fiandre e Roubaix dopo l’incontro di Sagan con COVID-19 lo ha rimesso in allenamento all’inizio di quest’anno.

Sagan ha parlato della sua forma e del suo calendario in un’intervista ai giornalisti alla Tirreno-Adriatico.

“Abbiamo deciso come squadra che poteva essere molto meglio provare la Catalunya, sai, la preparazione perché ho perso le gare a gennaio, ho perso le gare a febbraio, e questa è la mia prima gara”, ha detto Sagan.

Sagan ha spiegato di essersi preso una pausa di 14 giorni dal suo piano di allenamento a causa del COVID-19, e come tale sta ancora lavorando per raggiungere il livello di forma fisica desiderato. La Volta a Catalunya, una gara a tappe WorldTour caratterizzata da molte scalate, dovrebbe fornire ampie opportunità a Sagan di continuare a migliorare la sua forma.

Prima di dirigersi alla Volta a Catalunya, però, Sagan affronterà in questo fine settimana la Milano-Sanremo. È partito spesso tra i favoriti pre-gara per il Monumento Italiano, ma non ha mai vinto la gara.

“Ho iniziato il Tirreno con poca preparazione. Milan-Sanremo sarà una lotteria per me ”, ha detto. “Può andare bene o male. E poi un’altra settimana di gare dure mi aspetta nella Volta a Catalunya. Ci proverò e vedremo cosa si rivelerà. Un’altra settimana di gare difficili ci sembra il modo migliore per prepararci al Giro delle Fiandre e alla Parigi-Roubaix “.



Source link