Da Elisa Balsamo a Coryn Labecki: cinque acquisti importanti per la stagione 2022

Da Elisa Balsamo a Coryn Labecki: cinque acquisti importanti per la stagione 2022


“], “filter”: “nextExceptions”: “img, blockquote, div”, “nextContainsExceptions”: “img, blockquote” }”>

Ottieni l’accesso a tutto ciò che pubblichiamo quando tu
>”,”name”:”in-content-cta”,”type”:”link”}”>unisciti a VeloNews o Outside+.

Il ciclismo non aspetta né uomo né donna.

Con la stagione su strada 2021 che sta già diventando un lontano ricordo, l’attenzione inizia a rivolgersi alla prossima stagione. Il tempo delle vacanze finirà presto e le squadre daranno il benvenuto ai loro nuovi corridori tra non molto.

Leggi anche: Tutto quello che devi sapere sui movimenti delle cicliste nel gruppo su strada femminile

Nulla è fermo nel ciclismo e il gruppo cambia per sempre nella sua carnagione. Con molte stelle affermate che cavalcano verso il tramonto quest’inverno, c’è molto spazio per il movimento all’interno del gruppo prima del 2022.

Alcuni grandi nomi si scambieranno le squadre per il prossimo anno e qui ce ne sono cinque che saranno i più interessanti da guardare con il progredire della stagione.

Marlen Reusser è stata incoronata campionessa europea nel 2021
Marlen Reusser è stata incoronata campionessa europea nel 2021 (Foto: Alberto Pizzoli/AFP via Getty Images)

Nuova durata del contratto: due anni
Squadra attuale: Alé BTC Lubiana

Marlen Reusser è stata una delle stelle rivoluzionarie durante la stagione 2021. Si era già affermata come una forza in crescita all’interno del gruppo con il suo secondo posto dietro ad Anna van der Breggen nella cronometro ai mondiali di Imola la scorsa stagione, rendendola una da tenere d’occhio.

Leggi anche: Marlen Reusser vuole festeggiare i 30 anni con la maglia iridata del TT

La macchina da cronometro svizzera è stata all’altezza delle aspettative di quest’anno, battendo anche le sue stesse aspettative in alcuni eventi. Ha concluso la stagione con sei vittorie, tra cui il titolo europeo a cronometro, il Chrono des Nations e una straordinaria vittoria nella giornata di apertura al Challenge by La Vuelta.

L’ascesa di Reusser nel ciclismo è stata rapida con il 2019 la sua prima stagione da professionista, ma ha affrontato bene la sua ritrovata importanza. Dopo una sola stagione in squadra, aveva già superato l’assetto Alé BTC Ljubljana e il suo trasferimento all’SD Worx sarà un’opportunità per approfondire le sue capacità. Con van der Breggen che sarà il suo DS in squadra, il mondo è la sua ostrica.

Elisa Balsamo ha battuto Marianne Vos e ha vinto il titolo mondiale a Leuven
Elisa Balsamo ha battuto Marianne Vos e ha vinto il titolo mondiale a Leuven (Foto: Luc Claessen/Getty Images)

Nuova durata del contratto: tre anni
Squadra attuale: Valcar Travel & Service

Elisa Balsamo è ormai un veterano del ciclismo professionistico con cinque stagioni a livello d’élite già alle spalle, ma ha ancora solo 23 anni e ha – potenzialmente – una carriera molto lunga ancora davanti a sé. Dopo aver vinto il titolo mondiale junior nel 2016, Balsamo si è costantemente trasformata in una forte velocista e una solida corridore delle classiche con molte promesse.

Leggi anche: Elisa Balsamo: Vincere i Mondiali è stata una “rivincita” dopo il crollo delle OlimpiadiS

Con la sua corsa vincitrice dell’arcobaleno nella corsa su strada d’élite ai Mondiali delle Fiandre il mese scorso, ha mantenuto quella promessa. Lo sviluppo di Balsamo su strada è stato parallelo alla sua brillante carriera in pista, dove ha conquistato l’argento nell’inseguimento a squadre dietro la Germania ai recenti mondiali di Roubaix.

Trek-Segafredo aveva ingaggiato Balsamo per tre stagioni prima di vincere nelle Fiandre e sorriderà da un orecchio all’altro alla decisione di assumerla. La 23enne si inserirà bene in una forte squadra di classici che include artisti del calibro di Elisa Longo Borghini ed Ellen van Dijk, e avrà anche la prolifica velocista Ina-Yoko Teutenberg come guida come DS. Con una squadra forte intorno a lei, sarà intrigante vedere come Balsamo entrerà nel suo ruolo di campionessa del mondo su strada.

Sarah Gigante è stata nominata nella squadra olimpica australiana per Tokyo
Sarah Gigante è stata nominata nella squadra olimpica australiana per Tokyo (Foto: Michael Steele/Pool/AFP via Getty Images)

Nuova durata del contratto: tre anni
Squadra attuale: Tibco-Silicon Valley Bank

Il trasferimento di Sarah Gigante a Movistar potrebbe essere sembrato un po’ una sorpresa quando è stato annunciato per la prima volta, ma ha molto senso. La squadra spagnola ha cercato giovani talenti da sviluppare, insieme al suo leader principale Annemiek van Vleuten, e Gigante è, almeno sulla carta, la partita perfetta.

Leggi anche: Sarah Gigante: la selezione di Tokyo “un sogno che si avvera” per l’australiana ossessionata dalle Olimpiadi

Dopo aver vinto il titolo d’élite della corsa su strada australiana con un incredibile sforzo da solista nel 2019 a soli 18 anni, Gigante è passato ai ranghi dei professionisti lo scorso anno con la Tibco-Silicon Valley Bank, una squadra ben nota per lo sviluppo di talenti grezzi. Da allora ha vinto gli ultimi due campionati nazionali australiani a cronometro.

Nonostante un grave incidente quest’anno, Gigante ha mostrato alcune promesse tra i migliori professionisti e ha ancora molto da dare. Come una forte scalatrice con un grande motore TT nel suo arsenale, Gigante ha caratteristiche simili al suo nuovo compagno di squadra van Vleuten e cavalcare al fianco dell’olandese potrebbe vederla fare grandi passi avanti nel 2022.

Coryn Labecki (nata Rivera) a Jumbo-Visma

Coryn Labecki supera in volata Lizzie Deignan vincendo una tappa del Giro d'Italia Donne
Coryn Labecki supera in volata Lizzie Deignan vincendo una tappa del Giro d’Italia Donne (Foto: Luc Claessen/Getty Images)

Nuova durata del contratto: tre anni
Squadra attuale: Team DSM

Dicono che un cambiamento può essere buono come un riposo ed è quello che spera il 29enne Labecki. Sembra ieri che Labecki stava facendo le sue prime incursioni nel mondo delle corse europee con la squadra olandese, ma il 2021 è stato il suo quinto nella squadra.

Leggi anche: Il Team Jumbo-Visma Women firma per due anni Coryn LabeckiS

La migliore stagione di Labecki fino ad oggi è arrivata nel suo primo anno nel gruppo europeo con grandi vittorie al Trofeo Alfredo Binda, al Giro delle Fiandre e un titolo mondiale a cronometro a squadre. Nel 2018, ha ottenuto un titolo nazionale su strada degli Stati Uniti e il Women’s Tour GC. La sua percentuale di vittorie è rallentata negli ultimi anni, anche se ha vinto una tappa del Giro d’Italia Donne a luglio e ha conquistato cinque frustranti seconde posizioni per il resto della stagione.

Passare a Jumbo-Visma per il 2022 darà a Labecki un ottimo mentore per lavorare con Marianne Vos. Con Lorena Wiebes che rivendica la sua posizione di grande velocista di DSM, le darà anche maggiori opportunità per se stessa. La stagione 2021 è stata molto difficile per Labecki, per diversi motivi, e ora ha la possibilità di ricominciare da capo.

Joss Lowden a Uno-X

Joss Lowden è andato vicino al ritiro ma ha scelto di continuare con il suo nuovo contratto
Joss Lowden è andato vicino al ritiro ma ha scelto di continuare con il suo nuovo contratto (Foto: George Wood/Getty Images)

Nuova durata del contratto: due anni
Squadra attuale: Drops- Le Col p/b Tempur

Come Marlen Reusser, Joss Lowden è stato un altro arrivato in ritardo alle corse di alto livello dopo essere diventato professionista alla tenera età di 30 anni. Aveva meditato sull’idea di ritirarsi in modo da poter pianificare il futuro, compresa la creazione di una famiglia, ma il è arrivato il contratto con la neonata squadra Uno-X e ha deciso di andare avanti.

Questa stagione è stata di gran lunga la migliore di Lowden con il gioiello nella sua corona, il battere della lunga data record mondiale dell’ora alla fine di settembre. Sulla strada, ha anche ottenuto una vittoria in classifica generale al Tour de Feminin e si è classificata tra i primi 10 nella cronometro mondiale, nel Tour femminile e nel Brabantse Pijl.

Leggi anche: Joss Lowden percorre 48,405 km nel nuovo record mondiale dell’ora

Durante il suo successo in questa stagione, Lowden ha dovuto gestire una carriera part-time per aiutare a finanziare i suoi sogni di corsa. Il passaggio a Uno-X significherà che potrà smettere di lavorare e concentrarsi completamente sul suo ciclismo e, soprattutto, sul suo riposo. Spera che il tempo extra le permetta di salire di un altro livello nelle sue corse.

Con alcuni professionisti che corrono fino ai 40 anni, Lowden ha ancora tempo nella sua carriera e il supporto di una squadra WorldTour significa che non deve nemmeno ritirarsi per mettere su famiglia.





Source link