Come il White Rim Fastest Known Time è diventato una cosa – VeloNews.com

Come il White Rim Fastest Known Time è diventato una cosa – VeloNews.com


“],” filter “: ” nextExceptions “:” img, blockquote, div “,” nextContainsExceptions “:” img, blockquote “}”>

Probabilmente è iniziato con il video della Red Bull di Payson McElveen nel 2019. Quindi, la mancanza di corse durante la pandemia ha contribuito a renderlo un punto caldo nel 2020.

Per anni, affrontare il ciclo White Loop di 100 miglia nello Utah è stata una cosa da non perdere per molti appassionati di mountain bike. Per alcuni è un’avventura con lo zaino in spalla di più giorni. Per altri, completarlo in un giorno è una sfida. Per altri ancora, correre da solo per raggiungere il Fastest Known Time, o FKT, è diventata la ricerca.

Ma mentre il giro appena ad ovest di Moab esiste da tempo, non c’era un inizio e una fine concordati per un inseguimento a tempo.

“È senza dubbio il giro della maratona più famoso del paese”, ha detto McElveen in un film del 2019. “È un loop così leggendario che ottieni tutti questi miti su ciò che è stato più veloce.”

Per il suo impegno, McElveen ha iniziato dove fanno la maggior parte dei motociclisti amatoriali, in un punto alto asfaltato, invece di dove sarebbe tatticamente il più veloce.

Dopo che McElveen ha stabilito il record a 5:45:16 nel 2019, Quinn Simmons è uscito e ha stabilito un tempo più veloce sul loop ma partendo da un punto diverso. Poi Keegan Swenson è uscito e l’ha fatto sul percorso di McElveen, con un tempo più veloce sia di Simmons che di McElveen, e probabilmente ha consolidato quella via – White Rim in One Night su Strava – come l’unico.

Una lunga salita attende i ciclisti verso la fine del White Rim Trail quando viene eseguita in senso antiorario e partendo dall’angolo nord-est. Foto: video di Spintertainment Spin

Da ottobre, ci sono stati almeno 11 tentativi, con il record delle donne che è cambiato quattro volte.

Il 21 ottobre, Reese Ruland di The Pro’s Closet ha stabilito il miglior tempo dopo che il suo amico George Simpson ha preso di mira l’FKT e l’ha invitata.

“Ero tipo, ‘Fantastico, non vado in mountain bike, ma va bene'”, ha detto Ruland. “Essendo un ultra-runner, conoscevo amici che l’avevano gestito.”

Ruland ha preso in prestito una Santa Cruz Blur, ha apportato alcune modifiche e ha fatto alcune corse di prova sulla bici prima del suo tentativo, che ha stabilito il record a 7:17:51.

Ha sofferto di dolori ai nervi durante la corsa, ma ha detto che alla fine ha apprezzato la sfida. Lo sforzo di Simmons di 5:47:05 lo ha portato al terzo posto dietro Swenson e McElveen.

Giorni dopo, la mountain biker professionista Alexis Skarda ha stabilito il nuovo FKT femminile alle 6:57:17 il 31 ottobre.

“Avevo il bordo bianco sul mio calendario 2020 prima che si verificasse la pandemia”, ha detto Skarda. “Questo era qualcosa vicino a casa che ho pensato sarebbe stata una bella sfida da quando ho visto il video di Payson. Quando COVID è arrivato, all’inizio ho pensato che sarebbe stata l’occasione perfetta per fare epiche corse FKT indipendenti come questa in primavera. È diventato subito evidente che le cose con il virus erano davvero serie e non era il momento adatto per viaggiare. Ho deciso di aspettare finché non fosse stato sicuro di viaggiare di nuovo. Fa troppo caldo nel deserto per fare un giro del genere in estate, quindi l’autunno sembrava il momento perfetto per farlo. “

Skarda non ha usato Strava Live Segments, ma ha usato semplicemente il timer del suo computer e alcuni controlli intermedi per monitorare i suoi progressi.

Skarda detiene l’FKT femminile sul White Rim Trail e ha intenzione di provare altri FKT nei prossimi mesi. Foto: video di Spintertainment Spin

“Non volevo stressarmi troppo per ottenere un certo tempo per ogni segmento e [instead] basta andare di più al tatto e guidare forte “, ha detto Skarda, che ha preso di mira l’FKT con un obiettivo di meno di 7 ore. “Sapevo che sarebbe stata una sfida difficile e non ci sarebbe stato molto margine di errore. Dato che questi lunghi sforzi non sono ciò per cui normalmente mi alleno e non ho mai guidato il White Rim, non ero sicuro di cosa ero capace di fare là fuori. Non sapere cosa aspettarsi sulla via ha finito per far passare il tempo più velocemente perché tutto era una sorpresa “.

La scorsa settimana, McElveen è andato a White Rim quasi per un capriccio di fare un altro tentativo, e ha concluso in 5:33:58, appena dietro l’FKT di Swenson di 5:30:21.

Visualizza questo post su Instagram

Intorno alla mezzanotte di ieri sera, a metà del mio terzo margarita mentre ero triste per la polarizzazione del nostro paese, ho deciso che mi mancava il White Rim. Abbastanza apparentemente per fare i bagagli a casaccio questa mattina e partire per Moab. Avevo intenzione di pedalare e trascorrere una bella giornata di allenamento, ma mi sono reso conto che mancavano solo le 5:45 di luce del giorno. Il miglior pedale un po ‘duro! Le gambe erano buone, il vento era leggero, ma il percorso era sabbioso e spazzato via da un lungo anno asciutto di traffico automobilistico – 2 fattori importanti su 3 per andare veloci però … lo prendo! Ho cronometrato in pochi minuti dall’FKT di @ keegels99, ma ero entusiasta del miglioramento di 12 minuti da “Standing Man” di 1,5 anni fa. È un po ‘allettante allenarmi duramente per un paio di settimane e vedere se pioggia / neve schiacciano un po’ la sabbia, ma per il momento mi sento stranamente soddisfatto. È stato bello percorrere questo percorso duramente senza la pressione di produrre un film sospeso sopra la testa, e davvero mi ha solo acceso per le normali corse che a un certo punto sono tornato in linea. Questa è una specie di brutale test annuale, ma è un percorso di riferimento piuttosto dolce che penso potrebbe diventare una tradizione annuale. Lo sforzo è stato molto meno schiacciante dell’ultima volta, il che è bello! Non ho i doni fisiologici di alcuni là fuori, ma il miglioramento anno dopo anno grazie alla macinatura a lungo termine è sufficiente per me. Il mio @quarq mi dice che nel 2019 avevo una media di 245 watt, e oggi ho fatto una media di 280. Solo un po ‘fuori dalla potenza media di @midsouthgravel a marzo, ma un’altitudine maggiore di 4.000-6.000 piedi. 📈🎉 #theprocess #thewhiterim #mtb

Un post condiviso da Payson McElveen (@paysonmcelveen) su

Pete Stetina ha reso il White Rim FKT un obiettivo della sua stagione e ha completato il tentativo ma non ha ancora caricato la sua corsa. Contattata per questa storia, Stetina avrebbe solo detto di essere arrivato a pochi secondi da Swenson, ma non avrebbe detto se ha battuto il campione di sci di fondo statunitense o se è mancato. Il suo sforzo verrà rilasciato domani.

Il percorso White Rim FKT, come illustrato da Chris McNally per L’armadio dei professionisti.





Source link