Cinque migliori neo-professionisti maschili del WorldTour del 2020

Cinque migliori neo-professionisti maschili del WorldTour del 2020


I neo-professionisti del WorldTour del 2020 hanno avuto molto da vivere dopo la lezione del 2019, con Remco Evenepoel e Tadej Pogačar che hanno iniziato la loro carriera nel WorldTour. Ma c’erano ancora alcune performance eccezionali.

Qui diamo uno sguardo ai cinque neo-professionisti più performanti della sconsiderata stagione 2020.

João Almeida

João Almeida in testa al Giro d’Italia 2020 (Foto: Yuzuru SUNADA)

C’era molta eccitazione per João Almeida per unirsi a Deceuninck – Quick-Step per il 2020 e ha davvero mostrato perché il giovane portoghese si è esibito costantemente in tutte le migliori gare in cui ha gareggiato.

La gara che lo ha davvero messo sulla mappa, però, deve essere la Giro d’Italia dove ha iniziato arrivando secondo nella cronometro di apertura al Palermo dietro al campione del mondo Filippo Ganna (Ineos Grenadiers).

Ha poi preso il comando della classifica generale tre tappe dopo e l’ha tenuto per la maggior parte della gara prima di perdere la maglia in modo drammatico nella fase 18 quando è stato lasciato cadere dal gruppo guidato da Rohan Denni sul Passo dello Stelvio.

Il peggior piazzamento di Almeida, tuttavia, è stato il 28 °, il che è incredibile per un debuttante del Grand Tour, specialmente quando era il suo primo anno come pilota del WorldTour.

Mikkel Bjerg

Mikkel Bjerg arriva terzo alla nona tappa del Giro d’Italia 2020 (foto di Stuart Franklin / Getty Images)

Un altro pilota che ha fatto una prestazione immensa al Giro, anche se con uno stile diverso. Il pilota danese Mikkel Bjerg (UAE Team Emirates) ha ottenuto tre top-10 nel Grand Tour italiano su diversi terreni con due terzi posti, uno nella cronometro di apertura e uno al traguardo in vetta della nona tappa.

Bjerg era uno dei corridori designati a sostenere il velocista della sua squadra, Fernando Gaviria, che non è riuscito a vincere, ma il pilota danese ha avuto molte fughe e ha persino indossato la maglia bianca per il miglior giovane pilota nella seconda tappa.

Bjerg è arrivato 17 ° in rappresentanza della Danimarca nella cronometro dei Campionati del Mondo a Imola in Italia, così come in altre solide gare a cronometro in gare come la Volta ao Algarve, dimostrando che ha sicuramente un futuro forte.

Andrea Bagioli

Andrea Bagioli vince la prima tappa del Tour de l’Ain 2020 (Photo by Justin Setterfield / Getty Images)

Dritto con una vittoria al Tour de l’Ain battendo Vuelta a España Il vincitore Primož Roglič (Jumbo-Visma) in uno sprint in montagna per entrare in giallo nella prima tappa della gara di preparazione del Tour de France, Andrea Bagioli (Deceuninck – Quick-Step) sembra essere un vero talento.

L’italiano ha continuato le sue ottime gare con due top-10 alla Vuelta, ottenendo anche il secondo posto assoluto al Coppi e Bartali e altri risultati migliori a De Brabantse Pilj, La Flèche Wallonne, Giro dell’Emilia e altro.

Un pilota che sembra adattarsi perfettamente alle classiche delle Ardenne, dovrebbe essere un altro giovane di grande talento che può aggiungere alla già lunga lista di stelle emergenti.

Alberto Dainese

Sam Bennett (a sinistra), Giacomo Nizzolo (al centro) e Alberto Dainese (a destra) a Race Torquay 2020 (Foto di Tim de Waele / Getty Images)

Alberto Dainese (Team Sunweb), pur ottenendo una vittoria solitaria nella prima tappa dell’Herald Sun Tour proprio all’inizio della stagione, ha fatto un’ottima prestazione durante tutto l’anno con alcune gare molto promettenti.

L’italiano ha fatto alcune gare nella top-10 all’UAE Tour e al Tour of Poland, oltre a prendere il terzo posto dietro Sam Bennett (Deceuninck – Quick-Step) e Giacomo Nizzolo (NTT Pro Cycling) alla Race Torquay, che si è aggiunta alla sua inizia la sua stagione in Australia.

In alcuni sprint ha perso un po ‘la strada ed è stato anche colto in un paio di cadute anche alla Tirreno-Adriatico. Ma il giovane italiano ha una grande velocità ed è l’ennesimo velocista di talento uscito dall’Italia.

Attila Valter

Attila Valter sulla 20a tappa del Tour de France (Photo by Stuart Franklin / Getty Images,)

Sebbene il CCC Team nel suo insieme non abbia avuto una buona stagione, Attila Valter insieme a Jakub Mareczko ha in qualche modo salvato l’anno mentre entrambi hanno dominato al Giro d’Ungheria. È stato il giovane ungherese Valter a conquistare la tappa finale e il titolo assoluto nel suo tour di casa.

Ha anche fatto il suo debutto in Grand Tour al Giro d’Italia dove ha fatto un giro solido ottenendo una top-10 nella tappa 20 da una fuga.

Valter si unirà a Groupama-FDJ per il 2021 dopo che CCC avrà chiuso alla fine del 2020, mentre cerca di svilupparsi ulteriormente come potenziale contendente in alcune grandi gare a tappe, oltre a supportare Thibaut Pinot e David Gaudu nei Grand Tour.



Source link