Ci vediamo in giro, Anna van der Breggen

Ci vediamo in giro, Anna van der Breggen


Mentre ci avviciniamo alla fine del 2021, inizieremo a dire addio a una manciata di donne incredibili che hanno lasciato il segno in questo sport attraverso anni di dedizione, e nessuno più di Anna van der Breggen. Ovviamente Van der Breggen non andrà da nessuna parte. Il GOAT rimarrà come direttore per la sua ex squadra SD Worx e grazie al cielo per questo. Il gruppo femminile ha un disperato bisogno di ex corridori per inserirsi in ruoli dirigenziali nel gruppo.

Anche se la prima Parigi-Roubaix è dietro l’angolo, Van der Breggen ha annunciato che la sua ultima gara sarebbe stata la corsa su strada del Campionato del Mondo. E lei non sta cercando di vincerlo. Prima della cronometro del Campionato del Mondo, Van der Breggen ha usato il suo Instagram per dire che non avrebbe gareggiato nell’evento a cronometro, ma che avrebbe comunque iniziato la corsa su strada in un ruolo di supporto. Quale altra top rider con un palmares come quello di Van Der Breggen metterebbe da parte le ambizioni per le sue compagne di squadra?

È stata un’ispirazione per anni. Pacato, ma vocale su argomenti importanti nel ciclismo femminile. Sempre pronta a lavorare per gli altri, anche quando è al top. Van der Breggen è stato un’ispirazione per le donne del gruppo e per i fan di questo sport negli ultimi nove anni…

Anna van der Breggen è stata felice di piazzarsi quinta nella corsa su strada del Campionato del Mondo nel 2012.
2012 Van der Breggen dimostra che tutti dobbiamo iniziare il nostro viaggio a cronometro con una posizione meno che aerodinamica.

Mentre correva per l’UCI Sengers Ladies Cycling Team nel 2012, Van der Breggen ha vinto tre delle quattro tappe del Tour de Bretagne Féminin e la classifica generale, giovanile e a punti. Ha anche vinto il Campionato Europeo U23 a cronometro individuale.

Nel 2013 Van der Breggen è andata ancora meglio nella corsa su strada del Campionato del Mondo, è arrivata quarta a soli 18 secondi dal podio.

Nel 2014 Rabobank-Liv ha conquistato il podio della classifica generale al Ladies Tour of Norway con Van der Breggen che ha vinto la maglia di leader, Marianne Vos seconda e Katarzyna Kasia Niewiadoma terza.

Van der Breggen è stato scelto dalla potente squadra Rabobank-Liv nel 2014. I suoi compagni di squadra erano leggendari, Kasia Niewiadoma, Pauline Ferrand-Prévot, Iris Slappendel, Lucinda Brand, Annemiek van Vleuten e, naturalmente, Marianne Vos. Erano la squadra veramente dominante prima che Boels-Dolmans iniziasse a sfidarli nel 2015/2016.

Con la sua nuova squadra, Van der Breggen ha iniziato la sua strada vincente. Ha vinto al Ladies Tour of Norway, al Festival Luxembourgeois (alias Festival Elsy Jacobs), al Dwars door de Westhoek e al Lotto Belisol Belgium Tour. Nel 2014 è arrivata terza anche al Giro d’Italia Internazionale Femminile, il Giro Rosa.

Nel 2015 e nel 2016 Van der Breggen è diventato uno dei migliori ciclisti del gruppo. Ha vinto la sua prima stagione Omloop Het Nieuwsblad nel 2015 e ha continuato a frequentare il podio per il resto della stagione. Ha vinto il Giro Rosa, la cronometro nazionale olandese, La Course al Tour de France, ed è stata seconda nella corsa su strada e nella cronometro del Campionato del Mondo.

Anna van der Breggen vince il suo primo Giro Rosa nel 2015.
La Course del Tour de France nel 2015 è stata bagnata e leggermente trepidante a causa dei ciottoli.
Anna van der Breggen vince l’edizione 2015 di La Course del Tour de France sugli Champs Elysees.
Richmond World Championship gara su strada vinta da Lizzie Armitstead con Anna van der Breggen seconda e Megan Guarnier terza.

Uno dei più grandi successi della sua carriera è arrivato nel 2016 quando ha vinto la corsa olimpica su strada a Rio de Janeiro. L’anno successivo Van der Breggen si unì alla squadra che sarebbe stata la sua casa anche dopo la fine della sua carriera, il Boels-Dolmans.

Van der Breggen vince la corsa su strada olimpica 2016
La vittoria è stata una delle sue migliori in carriera

Nel suo primo anno a Boels-Dolmans, la campionessa olimpica ha vinto tutte e tre le gare delle Ardenne – Amstel Gold Race, Fleche Wallonne e Liège-Bastogne-Liège – la classifica generale al Tour of California e la rosa al Giro Rosa. Fu l’inizio di quattro anni di dominio.

Amstel Gold Race 2017, con Van der Breggen Boels-Dolmans è diventata la squadra più potente del gruppo femminile.
Van der Breggen vince la sua terza vittoria consecutiva La Flèche Wallonne. Avrebbe continuato a vincerne altre quattro.
Van der Breggen ha vinto la prima edizione della Liegi-Bastogne-Liegi nel 2017.

Van der Breggen ha vinto la corsa su strada del Campionato del Mondo a Innsbruck nel 2018, un altro Tour of California nel 2019, con una manciata di altre vittorie in quei due anni. Nel suo penultimo anno vince sia la corsa su strada che la cronometro ai Mondiali di Imola, il Giro Rosa. Ha annunciato nel maggio del 2020 che avrebbe corso un’altra stagione prima di scendere dalla bici da corsa.

Van der Breggen all’attacco di Innsbruck.
Il vincitore finale del Tour of California prima che la gara andasse in pausa
Che differenza fanno otto anni.
Van der Breggen dopo aver vinto la corsa su strada del Campionato del Mondo nel 2020.

Anche con la luce in fondo al tunnel, Van der Breggen non ha interrotto il suo passo nella sua ultima stagione. Ha iniziato vincendo l’Omloop Het Nieuwsblad, poi la settima consecutiva La Flèche Wallonne, la Vuelta a Burgos e poi un ultimo titolo assoluto del Giro Donne. È andata alle Olimpiadi come favorita per raddoppiare nella corsa su strada, ma se n’è andata con solo un terzo nella cronometro.

Chiunque altro potrebbe essere rimasto deluso, ma Van der Breggen è noto per avere un atteggiamento ottimista. I compagni di squadra saranno entusiasti di quanto sia semplice, di come non sia mai cambiata da quella ragazza con la posizione leggermente discutibile della cronometro, anche dopo tutte le vittorie.

Anna van der Breggen con le sue compagne di squadra SD Worx dopo aver vinto la tappa finale e assoluta della Vuelta a Burgos.
Il rapporto tra Van der Breggen e la sua giovane compagna di squadra Demi Vollering è stato particolarmente affascinante da guardare. Vollering era nuova per SD Worx all’inizio della stagione, ma ha rapidamente dimostrato di avere le carte in regola per essere la prossima superstar olandese.
Ashleigh Moolman Pasio, Van der Breggen e Demi Vollering sul podio del Giro Donne.

Prima ancora che smettesse di correre, Van der Breggen aveva già iniziato a trasformarsi in un ruolo di leadership in SD Worx. Ashleigh Moolman Pasio ha dichiarato a Freewheeling all’inizio di quest’anno di aver avuto la possibilità di alloggiare con Van der Breggen al ritiro della prima squadra. Van der Breggen ha subito parlato con Moolman Pasio di come poteva migliorare, dandole consigli ed esempi su come migliorare il suo gioco.

Il fatto che Van der Breggen resterà nello sport, nella gestione, è una vittoria indiscussa per il ciclismo femminile. Come se l’SD Worx non fosse già il top team del gruppo, la presenza di Van der Breggen in macchina farà grandi cose. Ha dimostrato più e più volte di avere una testa equilibrata sulle spalle. Trasmettere le competenze nelle corse e nel fitness ai giovani piloti è una piccola parte di ciò che farà di buono. Il suo approccio all’essere un’atleta professionista, affrontare il successo in giovane età e crescere man mano che lo sport cambia è qualcosa di cui tutti dovrebbero prendere nota.

Come fan, ex atleta e qualcuno che sta solo cercando di rendere il ciclismo femminile un posto migliore, devo ringraziare Van der Breggen per quello che ha dato allo sport e per quello che deve ancora dare.

Ha consolidato il suo posto nella hall of fame del ciclismo e ci mancherà il suo stile di guida follemente fluido.

Quindi, per l’ultima volta, buona fortuna Anna! E non vediamo l’ora di vederti in macchina l’anno prossimo!



Source link