Arnaud Démare ottiene la sua tripletta di vittorie sulla settima tappa del Giro d’Italia 2020

Arnaud Démare ottiene la sua tripletta di vittorie sulla settima tappa del Giro d’Italia 2020


Arnaud Démare (Groupama-FDJ) ha ottenuto la sua terza vittoria del Giro d’Italia Il 2020 sul palco sette prima del Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) e Michael Matthews (Team Sunweb).

Il gruppo è stato battuto dal vento di traverso per tutta la giornata, ma negli ultimi 50 chilometri è tornato tutto insieme e sono stati i velocisti a divertirsi.

João Almeida (Deceuninck – Quick-Step) ha mantenuto la maglia rosa in quella che è finita per essere un giro in poltrona grazie alla sua squadra che controllava la giornata e istigava i livelli all’inizio.

Come è successo

I corridori hanno avuto la prima giornata piatta del Giro d’Italia da affrontare nella settima tappa con i velocisti che si aspettavano il loro divertimento. Ma il vento sulla rotta di 143 km tra Matera e Brindisi è stato un forte vento laterale.

Un break di quattro uomini di Thomas De Gendt (Lotto-Soudal), Josef Černy (CCC Team), Marco Frapporti (Vini Zabù-Brado-KTM) e Simon Pellaud (Androni Giocattoli-Sidermec) è andato via presto solo riuscendo a stabilire uno snello anticipo di circa un minuto.

Di nuovo in gruppo sono stati Deceuninck – Quick-Step e Jumbo-Visma ad aumentare il ritmo mentre colpivano il primo vento di traverso a 125 km dalla fine.

>>> ‘Immagina che piova quel giorno …’: I motociclisti reagiscono alla cancellazione della Parigi-Roubaix

La maglia rosa, João Almeida (Deceuninck – Quick-Step) ei suoi rivali in classifica generale di Vincenzo Nibali (Trek-Segafredo), Wilco Kelderman (Team Sunweb) e Steven Kruijswijk (Jumbo-Visma) hanno fatto la spaccata insieme a tutti i principali velocisti , cogliendo il break a 119 km dalla fine.

Nel secondo gruppo c’erano Jakob Fuglsang (Astana), Rafał Majka (Bora-Hansgrohe) e Pello Bilbao (Bahrain-McLaren) ma sono riusciti a rientrare a 96 km dalla fine.

Nel terzo gruppo, Simon Yates (Mitchelton-Scott), Harm Vanhoucke (Lotto-Soudal) e Domenico Pozzovivo (NTT Pro Cycling) hanno perso quasi un minuto contro i leader ma sono rientrati a 82 km dalla fine.



Pellaud e Frapporti hanno entrambi attaccato non appena il gruppo degli inseguitori è rientrato in gruppo e il ritmo si è stabilizzato a 77 km dalla fine.

Una caduta ha colpito ancora una volta Vanhoucke e Fuglsang, ma entrambi stavano bene e sono rientrati nel gruppo.

Pellaud ha preso lo sprint intermedio davanti a Frapporti con Elia Viviani (Cofidis) che ha preceduto Arnaud Démare (Groupama-FDJ) e Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) nel gruppo alle spalle.

>>> Giovanni Visconti “fortunato ad arrivare al traguardo con le gambe” dopo il bizzarro incidente con la scarpa nella sesta tappa del Giro d’Italia

La pausa è stata, ancora una volta, ripristinata a 60 km dalla fine mentre il gruppo si preparava per il secondo sprint intermedio che aveva a disposizione dei bonus sul tempo.

A 45 km dalla fine, un grosso incidente ha distrutto metà del gruppo con Vanhoucke che è stato colto per la terza volta insieme a Pozzovivo, altrimenti non sono stati coinvolti grandi contendenti. Tutti sono tornati di nuovo insieme a 21 km dalla fine.

La strada principale che portava a Brindisi aveva più vento al traverso, il che significava che gli scaglioni non erano un problema per gli ultimi 10 km con tutte le squadre in ordine di colore, proteggendo velocisti e piloti GC.

Deceuninck – Quick-Step, Jumbo-Visma e Groupama-FDJ erano le squadre che guidavano nella città di arrivo prima che i treni di uscita prendessero il controllo.

È stato Groupama-FDJ a mettere il loro uomo al posto migliore mentre Démare è scattato verso la vittoria con Sagan seduto al volante, incapace di superare il campione francese.

Démare aumenta il suo vantaggio nella maglia a punti mentre Almeida mantiene il rosa di 48 secondi su Wilco Kelderman.

Sabato il Giro d’Italia 2020 prosegue con l’ottava tappa, un percorso di 200 km da Giovinazza a Vieste. La tappa è una giornata burrascosa ma potrebbe facilmente essere un altro sprint di gruppo e un’altra vittoria per Démare.

Risultati

Giro d’Italia 2020, settima tappa: da Matera a Brindisi (143 km)

1. Arnaud Démare (Fra) Groupama-FDJ, 2-47-28
2. Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe
3. Michael Matthews (Aus) Team Sunweb
4. Ben Swift (GBr) Ineos Grenadiers
5. Álvaro Hodeg (Col) Deceuninck – Quick-Step
6. Rudy Barbier (Fra) Israel Start-Up Nation
7. Davide Ballerini (Ita) Deceuninck – Quick-Step
8. Enrico Battaglin (Ita) Bahrain-McLaren
9. Filippo Fiorelli (Ita) Bardiani-CSF-Faizanè
10. Elia Viviani (Ita) Cofidis, tutti insieme

Classifica generale dopo la settima tappa

1. João Almeida (Por) Deceuninck – Quick-Step, in 24-48-29
2. Pello Bilbao (Esp) Bahrain-McLaren, 43 anni
3. Wilco Kelderman (Ned) Team Sunweb, 48 anni
4. Harm Vanhoecke (Bel) Lotto-Soudal, a 59 anni
5. Vincenzo Nibali (Ita) Trek-Segafredo, 1-01
6. Domenico Pozzovivo (Ita) NTT Pro Cycling, 1-05
7. Jakob Fuglsang (Den) Astana, 1-19
8. Steven Kruijswijk (Ned) Jumbo-Visma, 1-21
9. Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe, 1-26
10. Rafał Majka (Pol) Bora-Hansgrohe, 1-32



Source link